Italia Nostra: "Palazzo D’Avalos è servito solo a spartirsi la torta" - Il caso - il professor davide aquilano: "Trent’anni di lavori fatti male"
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/11/2013

Italia Nostra: "Palazzo D’Avalos è
servito solo a spartirsi la torta"

Il caso - il professor davide aquilano: "Trent’anni di lavori fatti male"

Palazzo D'Avalos, il cortile interno"Si fa di tutto affinché i lavori vengano eseguiti nel peggior modo possibile, in maniera tale da poter richiedere nuovi finanziamenti e così via in un’eterna girandola di piacere per le tasche di professionisti ed imprese". E' il pesante commento di Davide Aquilano, presidente di Italia Nostra del Vastese, dopo l'inchiesta di sui tesori dimenticati di Palazzo d'Avalos (leggi l'articolo).

"La denuncia di zonalocale.it è l’ennesimo grido di indignato dolore che cade nella più totale indifferenza dell’amministrazione comunale, ma anche – ci dispiace dirlo - di una cittadinanza che non riesce a comprendere che il patrimonio culturale è l’essenza della nostra identità individuale, cittadina e nazionale.

Lasciando la facile retorica e scendendo nel concreto - afferma l'esperto - la pulizia della corte di Palazzo d’Avalos non è questione di decine o centinaia di migliaia di euro: bastano un paio d’ore di lavoro per un paio di persone dotate di attrezzi banali come falce e cazzuole e, se si vuole dare uno schiaffo allo spreco, persino di un decespugliatore dotato di filo di plastica di qualità.

Le parole degli assessori, del sindaco, dei dirigenti fanno a dir poco sorridere, quando le foto pubblicate da zonalocale dimostrano nei fatti la loro totale e sostanziale indifferenza al patrimonio culturale. Si parla soltanto di soldi, di finanziamenti, come se tutto potesse risolversi con queste parole magiche: basta poco, se non pochissimo a tutelare e conservare tele e reperti, basta pochissimo a togliere la terra ed il guano dei piccioni nelle grondaie per evitare che si tappino, ci vuole poco a chiudere le finestre del sottotetto con infissi anche provvisori, ci vuole poco a sostituire tubi in Pvc o in rame, ci vuole poco a togliere l’erba dai muri".

Secondo Aquilano, "quello che Palazzo d’Avalos ha subito nel corso degli ultimi trent’anni è l’emblema dell’italica ingordigia: il monumento è utile non in quanto bene culturale – e quindi, di tutti - ma per richiedere cospicui finanziamenti" con cui "spartirsi la torta e si fa di tutto - sostiene il presidente locale di Italia Nostra - affinché i lavori vengano eseguiti nel peggior modo possibile, in maniera tale da poter richiedere nuovi finanziamenti e così via in un’eterna girandola di piacere per le tasche di professionisti ed imprese. E poi, che fine hanno fatto le mirabolanti promesse del gestore di Palazzo d’Avalos, a cui rispondeva con perfetto accordo in coro l’amministrazione comunale? Italia Nostra anche su Palazzo d’Avalos dirà la sua e non starà a guardare. Per il momento, chi vuole iniziare a conoscere il nostro patrimonio culturale, è invitato sabato 23 novembre alle ore 15 inpiazza Marconi (davanti all’ingresso principale della Villa Comunale) per la prima delle visite guidate alla scoperta della città storica: si comincia dai resti della romana Histonium".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi