Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 13/02

Giovani e informazione, al Mattei arriva "Open the Box" progetto su social media e disinformazione

Dal 15 febbraio al via il nuovo format educativo su fact checking e data literacy

Prenderà il via lunedì 15 febbraio, all'IIS "E.Mattei" di Vasto, il Pcto (Percorso per le competenze trasversali e per l'orientamento) "Open The Box", nuovo format "volto a insegnare alle nuove generazioni a informarsi in maniera più consapevole".

Si tratta di "un progetto sulla disinformazione e la media literacy per le scuole superiori che ha l'obiettivo nazionale di creare una task force di 10 mila studenti e studentesse in 3 anni sui temi del fact checking (verifica dei fatti), dell'intelligenza artificiale e dei dati necessari per capire e analizzare le notizie".
Per l'IIS Mattei, a partecipare al progetto, realizzato in collaborazione con gli ideatori di "Dataninja", saranno gli studenti delle classi 3°, 4° e 5° della sezione B della specializzazione di Informatica. "L'idea è quella di invitare gli studenti ad aprire le scatole dei contenuti che incontrano ogni giorno online per capirne il funzionamento e informarsi in maniera più consapevole", afferma Nicola Bruno, responsabile dell'iniziativa per "Dataninja", azienda esperta di elaborazione e comunicazione di dati attiva dal 2012. 

Il progetto è condotto localmente dalla professoressa Rosa Lucia Tiberio, docente di Sistemi e Reti del Mattei. "Il percorso è basato sull'inquiry basedRosa Lucia Tiberio learning (apprendimento basato sull'indagine) – spiega - e sull'utilizzo di strumenti coinvolgenti quali quiz, presentazioni, attività guidate da svolgere, strumenti di valutazione, sfide con i coetanei. Verranno proposti temi quali quello della disinformazione (per esempio riguardo le immagini manipolate, le notizie false, dati e grafici), quello dei social media (per esempio le dinamiche virali, i meme e le relazioni online) o l'intelligenza artificiale (per esempio i deepfake, gli algoritmi, le filter bubble e i bot). Il percorso prevede sia la sensibilizzazione degli studenti verso queste tematiche sia la loro formazione  attraverso lezioni, laboratori e sfide tra coetanei. Il tutto partendo da casi studio reali e vicini all'esperienza diretta che molti giovani fanno ogni giorno della rete".

"Ringrazio - commenta la professoressa Tiberio - il preside Nino Fuiano, la professoressa Natascia Di Giambattista funzione strumentale per il PCTO, il professor Enzo Mucci collaboratore della funzione strumentale ed i colleghi dei consigli delle classi coinvolte per il sostegno ed il supporto ricevuto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi