Vasto   Cronaca 12/05

Vasto, truffe agli anziani: i consigli dei Carabinieri - AUDIO

La telefonata di una signora che ha segnalato al 112 il tentativo di truffa in atto

VASTO - Arriva dall'Arma dei Carabinieri della Stazione di Vasto un invito ad alzare la guardia contro le truffe perpetrate a danno degli anziani.

Il fenomeno delle truffe in danno delle fasce deboli, con particolare riguardo alle persone anziane, è di portata nazionale. L'Arma dei Carabinieri ha organizzato numerosi incontri con i cittadini in diversi Comuni del territorio vastese per sensibilizzare l'opinione pubblica su come cogliere i cosiddetti "campanelli" di allarme e comportarsi di conseguenza.

L'ultimo incontro si è tenuto al teatro Rossetti in collaborazione con il Comune di Vasto, da sempre molto sensibile sull'argomento, soprattutto attraverso l'Assessore Nicola della Gatta che ha sposato subito l'iniziativa dell'Arma.

Nel pomeriggio di ieri un'altra signora di circa 87 anni, residente in Vasto, è stata contattata telefonicamente sulla propria utenza fissa da un sedicente corriere che avrebbe dovuto consegnare un pacco, previo versamento di un'importante somma di danaro.

La signora si è immediatamente rivolta al 112, tramite la propria utenza cellulare, segnalando la richiesta all'operatore della Centrale Operativa che ha allertato pattuglie in uniforme ed in abiti civili sul territorio.

La truffa non si è concretizzata in quanto, molto probabilmente i truffatori, resisi conto del possesso del cellulare della signora, hanno desistito dileguandosi.

Il comportamento della signora è stato estremamente utile a scongiurare l'evento.

Si vuole, pertanto, richiamare i principali campanelli di allarme in caso di telefonata giunta sulla propria utenza fissa di casa:

1. Se nel corso della telefonata l'interlocutore dovesse richiedere somme di danaro o per un inesistente incidente stradale che ha coinvolto un congiunto o per la consegna di un pacco, segnalarlo immediatamente al 112 con un'utenza diversa da quella fissa.

Uno degli stratagemmi che utilizzano i truffatori, infatti, è quello di non terminare la conversazione con la vittima in maniera tale che se la vittima dovesse "rialzare la cornetta" e comporre un qualsiasi altro numero, risponderebbero sempre loro qualificandosi come "Carabinieri" o altro, rendendo più credibile la loro illegittima richiesta;

2. Le Forze dell'Ordine non richiedono mai danaro per sanare eventuali scoperture assicurative o a seguito di incidenti stradali e men che meno chiedono gioielli come forma di pagamento. Una tale richiesta è senz'altro indicativa di una truffa in atto;

3. In caso di dubbio contattare sempre il 112 segnalando l'accaduto evitando di farlo con il telefono fisso di casa;

4. Comunicare sempre al proprio interlocutore che non si è soli in casa.

Questi piccoli accorgimenti scoraggiano i truffatori e li inducono a desistere dal proseguire nel loro intento truffaldino.

Nel VIDEO che segue, la telefonata della signora che ha segnalato al 112 il tentativo di truffa in atto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi