Vasto   Attualità 07/05

Vasto, Laudazi interviene sulla grande sete del Vastese

Dopo il rinnovo del cda Sasi, ora si pensi ad aumentare la quantità idrica

Edmondo LaudaziVASTO - "Un'altra estate è alle porte. L’avvenuto recente rinnovo del Cda della Sasi Spa – scrive in una nota, Edmondo Laudazi del Nuovo Faro - che si occupa della gestione del servizio idrico integrato in quasi tutti i comuni della provincia di Chieti, non convince per le modalità con la quale è stato realizzato e per i risultati ottenuti. Se 80 sindaci - prosegue - non sono stati in condizione di trovare un'intesa condivisa, allora non c’è da stare tranquilli".

"La questione delle risorse idropotabili - specifica Laudazi - non deve tenere conto del colore delle coalizioni politiche e richiede unità, condivisione di progetti, chiarezza di obiettivi, di procedure e di risultati. L’Assemblea ha invece deciso di andare ad una conta risicata, tra amministratori di centrosinistra e di centrodestra, questi ultimi addirittura spaccati in due raggruppamenti contrapposti. Fatti molto preoccupanti, non graditi dai cittadini".
Secondo l'esponente del Nuovo Faro, la Sasi merita una gestione allargata e concreta, finalizzata alla risoluzione dei problemi" con tempestività ed efficienza, in favore dell'utenza.
"Buon lavoro dunque, - aggiunge - a quelli che hanno ricevuto il mandato e a coloro che dovranno controllarne l'attività. Il Vastese ha la necessità di raggiungere un livello adeguato del servizio che, allo stato attuale, non è sufficiente".
La Sasi (gestore) e l’Ersi (proprietario delle reti) - in attesa dei necessari finanziamenti per adeguare gli impianti obsoleti e realizzare un nuovo collettore principale da Casoli a Monteodorisio - potrebbero aumentare almeno la dotazione del potabilizzatore di San Salvo, già esistente e di proprietà consortile Arap, che potrà essere rifornito dalla diga di Chiauci. "Il potabilizzatore - spiega Laudazi - può essere poi collegato, attraverso delle condotte, ai serbatoi di Montevecchio, Colle Pizzuto e quelli di Sant’Antonio Abate". "Si tratta di allungare un tubo, - suggerisce - e soffrire tutti di meno. Tempi e modi per fare di più e meglio, ci si può ragionare, ma questa programmazione si può concretizzare velocemente".
"Nel frattempo, - conclude - è necessario che i sindaci del Vastese, i consiglieri regionali e gli Amministratori del territorio forniscano un cenno di riscontro, dando corpo al proprio mandato popolare, e contribuire a risolvere i problemi del Comprensorio alleggerendo guai atavici derivanti da insufficienza idrica, aggravati dal persistente stato pandemico".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi