CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 24/04

Vasto, mamma Lorena: «I bimbi cardiopatici non possono aspettare due anni per una visita» - VIDEO

Genitori manifesteranno a favore del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Ancona

Mamma LorenaVASTO - Lunedì 2 maggio si ritroveranno davanti alla sede della Regione Marche per portare avanti un'azione di sensibilizzazione e chiedere un intervento fattivo e immediato delle istituzioni competenti.

Sono i genitori che fanno parte dell'associazione "Un battito d'ali" (in basso il VIDEO di sesibilizzazione realizzato dall'associazione), le mamme e i papà di bambini affetti da cardiopatia che ogni giorno sono costretti a combattere non solo con la malattia dei propri figli, ma anche con gli ostacoli che devono affrontare ogni volta che si presenta il bisogno di effettuare anche solo una visita presso il Reparto di Chirurgia pediatrica degli Ospedali Riunti di Ancona.


Sì, Ancona. E' fin nelle Marche che si spinge oggi Zonalocale, perché il reparto in questione, posizionato al quarto posto in Europa per la sua eccellenza, serve al momento tutto il centrosud, compreso quindi il nostro territorio, e sta subendo da un anno una notevole riduzione di organico che ha portato i medici da 13 a 8 unità, con il conseguente allungarsi delle liste d'attesa: un appuntamento per una visita, un esame o un elettrocardiogramma viene attualmente fissato dopo 2 anni. Due anni che i bambini affetti da cardiopatia non possono assolutamente attendere.


Nonostante le varie sollecitazioni all’Amministrazione regionale delle Marche e alla Direzione sanitaria, i medici del reparto non vengono messi in condizione di lavorare al meglio e questo si riflette sulla salute dei bambini cardiopatici ma anche su quella dei piccoli con sospette cardiopatie.
Problemi che, purtroppo, non solo costringono le famiglie a rivolgersi ad altri centri, ma sopratutto a perdere del tempo che, a volte, i bambini non hanno, come spiega nel VIDEO che segue Lorena, mamma della piccola Sophie, due anni, di Vasto, affetta da cardiopatia, la cui vita è stata salvata per ben due volte proprio grazie al Reparto di Chirurgia pediatrica marchigiano.

Il video di sensibilizzazione dell'associazione "Un battito d'ali":

di Miriam Giangiacomo (miriam.giangiacomo@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi