CHIUDI [X]
 
Cupello   Cronaca 08/04

Cupello. Era stato trovato con 2 chili di eroina, arrestato un 65enne

Condotto alla casa circondariale di Avezzano dove dovrà espiare il residuo di pena

CUPELLO - I Carabinieri della Stazione di Cupello hanno tratto in arresto, in esecuzione di un provvedimento di revoca della misura alternativa della detenzione domiciliare, un 65enne residente a Cupello, condannato ad una pena di anni 4 di reclusione ed euro 27.000 di multa.
Il provvedimento restrittivo, emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica de L’Aquila, discende da reiterate segnalazioni da parte dei militari dell’Arma afferenti violazioni poste in essere nel corso della detenzione domiciliare cui era stato sottoposto il condannato a seguito dell’arresto eseguito il 20 agosto 2020 dagli stessi militari, per detenzione ai fini di spaccio di due chilogrammi di sostanze stupefacenti del tipo eroina, ingente quantitativo destinato alla cessione a terzi.
Dopo un primo periodo trascorso in carcere immediatamente dopo l’arresto in flagranza, al termine dell’accertamento delle sue responsabilità penali, l'uomo è stato portato presso la propria abitazione per beneficiare della misura alternativa della detenzione domiciliare.
Nel corso dei successivi controlli da parte dei Carabinieri di Cupello, ed i conseguenti accertamenti sulla condotta inosservante degli obblighi, la Procura Generale della Repubblica de L’Aquila ha revocato il beneficio concesso ripristinando la carcerazione.
L'uomo, al quale era stato revocato anche il beneficio del reddito di cittadinanza nel 2021 su segnalazione dei militari procedenti, dovrà scontare una pena residua di anni 3, mesi 7 e giorni 14 di reclusione.
Al termine delle formalità di rito,oggi pomeriggio è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Avezzano dove dovrà espiare il residuo di pena inflitta.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       
       

      Chiudi
      Chiudi