Vasto   Attualità 25/03

Vasto. Bimbo di un mese ricoverato a Chieti per Omicron 2, primo caso in Abruzzo

Le condizioni sono stabili, anche se è ancora positivo

VASTO - Ha solo un mese di vita ed è ricoverato perché ha contratto la variante Omicron 2 del Covid-19. Il piccolo si trova presso il reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell'ospedale di Chieti. È stato trasferito dal Pronto Soccorso del "San Pio" di Vasto, dove era arrivato per febbre alta. Risultato positivo al tampone antigenico è stato subito trasportato a Chieti per essere ricoverato nell'unità operativa diretta da Diego Gazzolo e sottoposto agli accertamenti e cure del caso. Una volta confermato il contagio è stata chiesta la tipizzazione al Laboratorio dell'Università, che ha identificato la variante BA2, cosiddetta Omicron 2.

Il piccolo, che non presenta né tosse né difficoltà respiratorie, è stato sottoposto a terapia trasfusionale, per via di un quadro anemico evidenziato dagli esami.

"Si tratta del primo caso in Abruzzo - sottolinea Gazzolo - e stiamo verificando se ci siano precedenti nel Paese. Certo è che non esistono riferimenti in letteratura, pertanto questa è anche un'occasione per dare il nostro contributo agli studi in materia. Sappiamo, però, che la variante Omicron colpisce sempre più i bambini, anche a causa di un basso tasso di vaccinazione in questa fascia di età. Ormai la sottovariante Omicron 2 ha una prevalenza pari al 44% ed è stata isolata nella quasi totalità delle regioni. In Abruzzo si attesta al 23,6%, non è più severa della variante originaria e la vaccinazione con dose booster garantisce un'alta protezione da sintomi gravi e ricoveri che permane nel tempo".

Le condizioni del piccolo sono comunque stabili anche se è ancora positivo. Dall'attività di tracciamento eseguita è emerso che anche la mamma e la sorellina sono contagiate.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi