CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 20/03

Stadio Aragona, Falone: «Perché il sindaco non firma ordinanza per autorizzare ingresso dei tifosi?»

Il segretario cittadino della Lega e il direttivo commentano la decisione del club

Stadio AragonaVASTO - «Leggere le ultime dichiarazioni dei dirigenti della Vastese Calcio, seppur già note e semplicemente ribadite, che a fine anno lasceranno la società, a eventuali nuovi investitori oppure, come spesso accade, rimettendo la squadra nelle mani del sindaco, fa indubbiamente male. Il calcio è lo sport nazionale oltre che un fenomeno di aggregazione sociale». È quanto afferma il segretario cittadino della Lega Ermanno Falone, in una nota stampa a nome di tutto il direttivo.

«La nostra città - prosegue l'esponente del Carroccio - ha visto alterne vicende ma spesso la soddisfazione per la vittoria dei campionati ha evidenziato quanta partecipazione ci fosse intorno alla prima squadra della città, quella che ne porta il nome in giro per l’Italia. E’ chiaro che dopo quasi due anni di pandemia da Covid19, con gli stadi obbligatoriamente vuoti, questo abbia pesato non poco sulle casse sociali ma va dato merito a Bolami e Scafetta di essere andati avanti comunque. Ora si presenta il problema dello stadio, in realtà noto da tempo, come più volte ribadito dagli stessi dirigenti. Fino alle elezioni amministrative dello scorso mese di ottobre il primo cittadino, così come accade in molti altri comuni, si assumeva la responsabilità firmando l’ordinanza con la quale autorizzava l’ingresso dei tifosi allo stadio Aragona. Poi, come d’incanto, ha ben pensato che non era più il caso di concedere tale privilegio al pubblico biancorosso. Partite rigorosamente a porte chiuse tra lo stupore misto a rabbia di un’intera tifoseria. La Vastese, che ha la gestione annuale dello stadio, si è subito adoperata per sistemare quanto di sua competenza. Nel frattempo la regione Abruzzo, a guida centro-destra, ha stanziato la somma di 200mila euro proprio per sistemare le criticità dell’impianto. Soldi che però non ancora sono stati inseriti nel bilancio comunale e da qui deriva tale stallo nei lavori che il comune dovrebbe effettuare appunto per mettere in sicurezza lo stadio. Conclusione dei fatti: la Vastese dalla prossima domenica sarà costretta ancora senza i suoi tifosi, sia che si giochi a porte chiuse sia, cosa incredibile, che si debba ripiegare sul campo di gioco di un’altra città, dove difficilmente si sposterebbero in massa i supporters biancorossi. Mancano quattro partite alla fine della stagione».

«Per quale motivo - incalza Falone - il sindaco non può continuare a fare, almeno per questo breve lasso di tempo, come ha sempre fatto? Ovvero firmare l’ordinanza e assumendone la responsabilità? Cosa è cambiato da prima a dopo le elezioni? Da maggio, quando terminerà il campionato, ci sarà poi tutto il tempo - conclude - per appaltare e iniziare i lavori di adeguamento».

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi