Scopri di più CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 10/03

Vasto: 32enne arrestato, aveva rubato ad un’anziana 1300 euro e un bancomat

Il furto è avvenuto a Chieti nel settembre scorso

VASTO - Nella giornata di ieri, personale della III^ sezione "Reati contro il patrimonio e in danno della P.A." della Squadra Mobile, nell'ambito delle attività finalizzate alla repressione dei reati in danno di persone anziane, ha tratto in arresto, in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa su richiesta della Procura della Repubblica di Chieti, un trentaduenne, censurato, residente a Vasto (CH) in quanto ritenuto responsabile dei reati di furto pluriaggravato ed indebito utilizzo di carte di pagamento.
I fatti risalgono al mese di settembre dello scorso anno, quando un'anziana teatina ha subito un furto, all'interno della sua abitazione, di 1.300 euro oltre che della carta bancomat. Due donne si erano presentate presso l'abitazione della signora qualificandosi come "dipendenti dell'ASL", adducendo di dover verificare le condizioni di salute del marito, effettivamente presente in casa. Una volta allontanatesi, la signora si è accorta di aver subito il furto del denaro contenuto all'interno di un borsello che si trovava nella camera da letto, nonché della tessera bancomat. Immediatamente dopo il furto, un uomo ha effettuato un prelievo di 600 euro con la carta sottratta all'anziana presso uno sportello ATM di un Ufficio Postale di San Giovanni Teatino.

Le indagini avviate dalla Squadra Mobile hanno permesso di individuare, dall'accurata analisi delle immagini acquisite nei pressi dello sportello bancomat, seppur di scarsa qualità, alcuni elementi che hanno permesso di individuare dalle fattezze fisiche dell'uomo nascosto da mascherina, occhiali da sole e berretto da baseball, il probabile autore del prelievo.

A sostegno dell'ipotesi investigativa avanzata, la P.G. è riuscita a verificare la compatibilità del sospettato con le caratteristiche fisiche dell'uomo immortalato dalle telecamere dell'ATM, individuando degli elementi distintivi peculiari come la presenza di un tatuaggio sull'avambraccio (nella circostanza debitamente coperto da un bendaggio realizzato ad hoc) nonché la compatibilità con altri accessori personali dallo stesso indossati anche in occasione del prelievo.

Rassegnate le risultanze investigative alla locale Procura della Repubblica, in considerazione dei precedenti penali e di polizia specifici e del pericolo di reiterazione del reato, il Gip presso il Tribunale di Chieti ha emesso l'ordinanza che dispone la custodia cautelare in carcere eseguita dalla P.G. con accompagnamento dell'arrestato presso la Casa Circondariale di Viterbo.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi