Vasto   Attualità 29/01

Vaccini, l’odissea degli allergici

File d’attesa da 2 a 5 mesi per ottenere la certificazione relativa ai test

VaccinazioneVASTO - Riuscire a vaccinarsi a Vasto diventa una corsa ad ostacoli se si soffre d'allergie. Ad oggi, purtroppo, la trafila è diventata più lunga e tortuosa.

Accertare e poi farsi attestare le proprie allergie ad uno o più eccipienti del vaccino nel reparto allergologico del San Pio di Vasto non è più possibile perché è chiuso da un paio di mesi. Il protocollo Asl dispone quindi che ci si rechi presso l'ospedale SS. Annunziata di Chieti. E fin qui, nonostante lo spostamento possa creare disagi ad alcuni pazienti, la cosa è più o meno fattibile. Ma al SS. Annunziata... dove?

L'ipotesi più naturale e conveniente sarebbe quella di contattare il proprio medico di base, munirsi di impegnativa per la visita allergologica e farsi il viaggetto per recarsi all'ospedale di Chieti, dove il medico di turno effettuerà l'esame.... con una lista d'attesa di circa 5 mesi! Sì, non ci sono errori di battitura: esattamente 5 mesi! Un tempo spropositato per chi ha necessità di ottenere il vaccino in tempi brevi.

L'alternativa? I più intraprendenti possono decidere di farsi certificare l'allergia recandosi in modalità intramoenia dal dott. Enrico Cavallucci, allergologo e immunologo, pagando la quota richiesta e rispettando comunque una lista di attesa di circa 2 mesi.

In ambedue i casi, quindi, i tempi sono lunghi e, nel secondo caso, anche dispendiosi in termini economici, ma non per l'Asl. Un po' meno conveniente per i pazienti, che potrebbero evitare questa corsa ad ostacoli se al San Pio di Vasto fosse attivo il reparto di Allergologia.

 

Miriam Giangiacomo

(miriam.giangiacomo@zonalocale.it)

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi