Vasto   Cronaca 27/01

Operazione Blue Marine III. L’impero rosa delle macchinette slot

Il giro d’affari in Abruzzo e Molise, regione tra le più piccole ma quarta in Italia

Una donna gioca alle slotVASTO - “L’impero rosa” delle macchinette. La poliziotta che ha subito l’intimidazione (il coniglio di famiglia squartato davanti casa) ha raccontato al pubblico ministero che ha coordinato le indagini sfociate nell’operazione Blue Marine III, quanto aveva scoperto: ne emerge un quadro a tinte chiaroscure molto interessante sui meccanismi occulti che governano la galassia delle “macchinette slot” illegali in Abruzzo e Molise

Una slot non collegata con il Monopolio di Stato, cioè una slot illegale, può garantire un ricavo in nero giornaliero di mille euro. Bloccare anche solo dieci di queste macchinette illegali significa interrompere un flusso di denaro illecito (che probabilmente finisce col finanziare altre attività illecite) pari a 300 mila euro al mese. 

Ma il “giochetto” non finisce qui. Le macchinette videolottery possono essere utilizzate anche per riciclare denaro sporco, così come ipotizza anche la Procura de L’Aquila nell’indagine Blue Marine III, poiché possono immettere banconote che, in caso di vincita, si convertono in ticket con valore nominale, il che giustifica il possesso di denaro. Il ticket oltre i 500 euro viene certificato con scheda antiriciclaggio.

Abruzzo e Molise si trovano in una situazione del tutto peculiare, il Molise è la quarta regione per numero di slot installate nonostante sia una delle più piccole regioni d’Italia; l’Abruzzo (con circa 1,3 milioni di abitanti) è la prima regione d’Italia per partecipazioni al gioco d’azzardo. Nel solo comune del Vasto le giocate ammontano a 78 milioni di euro (una cifra che di solito secondo l'esperta poliziotta attiene alle videoslot legali solo per il 70%). Da fonti aperte consultate dalla poliziotta risulterebbe che nel 2017 il giro d’affari tra Vasto e San Salvo è stato di ben 178 milioni di euro

Il quadro che ne emerge ha anche pennellate di rosa. Le sale scommesse per lo più erano gestite da donne albanesi. “L’impero rosa” l’aveva definito la poliziotta, esperta di polizia amministrativa, che già nel 2018 aveva focalizzato la sua attenzione su San Salvo e Vasto, proprio perché si era resa conto che molte attività erano intestate a donne. Una patina rosa che non è riuscita a celare i tratti più scuri.

Fabio Papalia
(fabio.papalia@zonalocale.it) 

di Fabio Papalia (fabio.papalia@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi