Vasto   Attualità 27/01

Giornata della Memoria, deposta una corona d’alloro presso il Cippo di Istonio Marino

Presenti il vicesindaco Fioravante e il presidente della sezione Anpi Vasto Cavacini

Deposizione della corona d'alloroPer commemorare le vittime dell'Olocausto in occasione del Giorno della Memoria, questa mattina il Vicesindaco di Vasto, Licia Fioravante ha deposto insieme a Domenico Cavacini,presidente della sezione Anpi Vasto, una corona d'alloro in Viale Dalmazia presso il cippo dell’ex campo di internamento di Istonio Marina.

Alla cerimonia erano presenti il Presidente del Consiglio comunale, Marco Marchesani, gli assessori Paola Cianci, Nicola Della Gatta, Carlo Della Penna e i consiglieri Giorgio Bellafronte, Giuseppe Forte, Luigi Marcello e Maria Molino, diversi rappresentanti delle forze dell’ordine e delle associazioni combattentistiche e d’arma.

Una data che rievoca, come ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella - ha detto nel suo intervento il Vicesindaco Licia Fioravante - un orrore indicibile dello sbocco inesorabile di una ideologia folle e criminale e di un sistema di governo a questo ispirato, con l’obiettivo unico della distruzione, distruzione del diverso. Per evitare che quanto accaduto non sia invano - ha concluso Fioravante - è compito di questa società accogliere, integrare e amorevolmente convivere con il diverso. L’uomo nella sua vita ha bisogno dello sguardo altrui. Il diverso è necessario alla completezza dell’umanità stessa. La nostra identità procede di pari passo con quella della diversità”.

L’indifferenza è più grave della violenza” è uno dei tanti messaggi che Liliana Segre, senatrice a vita e nostra concittadina, - ha dichiarato l’assessore con delega alla cultura, Nicola Della Gatta - rivolge, ormai da decenni, in particolare ai più giovani. Lei si dice preoccupata del rinvigorirsi di forme di odio razziale, di fascismi e di una cultura del qualunquismo, per la quale i valori condivisi, la memoria di altri esseri umani passati su questa terra prima di noi, diventano intralci sulla strada del successo e del futuro. Nulla di più sbagliato: l’unica strada per costruire la speranza di un avvenire possibile è non smettere, mai, di sentirci parte dell’unica grande famiglia umana, consapevole della propria storia, delle proprie conquiste e delle proprie cadute, ma soprattutto vigile nel non ripiombare in quell’oscurità che peserà per sempre come un macigno… e perché non si dica “di nuovo”. Ciò che vogliamo fare, oggi e sempre, è ricordare per non dire “di nuovo”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi