Il sindaco difende San Salvo: «Non è spari per strada e spaccio di droga»

Tiziana Magnacca avverte il rischio di «un quadro dipinto da troppe tinte fosche»

Tiziana MagnaccaSAN SALVO - “San Salvo non è spari per strada e spaccio di droga agli angoli delle strade. San Salvo è soprattutto composta da un tessuto sociale sano e coeso, fatta da laboriosi e onesti cittadini, che aspirano ogni giorno a fare il bene per se stessi, per la propria famiglia e per la propria comunità”. E’ il commento del sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, che con forza avverte il dovere di difendere la città da quello che potrebbe essere un quadro dipinto da troppe tinte fosche, che non racconta la realtà. E’ una città formata da una comunità viva e con forti anticorpi, pur nella consapevolezza di essere una realtà non distante dalla criminalità organizzata. 

“San Salvo va difesa. Da tutto e da tutti. L’operazione della Direzione distrettuale antimafia ha portato a questi arresti. E’ la dimostrazione che lo Stato c’è e che questa è stata una attività investigativa significativa per la nostra serenità, per la lotta allo spaccio di droga e all’attività delinquenziale che investiva l’economia. San Salvo è soprattutto un luogo di fiorenti attività economiche più che lecite, di scuole e di presidi di legalità, è un luogo di cultura e istituzioni pubbliche con uno spirito di fattiva collaborazione nell’interesse generale” prosegue ancora il sindaco Magnacca.

“Non nascondiamo la consapevolezza  che alcuni soggetti, peraltro estranei o restati sempre ai margini sociali ed economici della città, non contribuiscono a far descrivere San Salvo e non possono farle acquisire etichette che nulla hanno a che vedere con i sansalvesi” dice il sindaco.

“Non si può ridurre San Salvo alla città degli spari contro i cartelli stradali – conclude – per la sua storia, seppur recente, fatta di donne e uomini che da decenni si sono impegnati per dare una precisa identità alla città del lavoro e dell’accoglienza per l’emancipazione sociale, culturale ed economica dei suoi cittadini”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     
     

    Chiudi
    Chiudi