Vasto   Attualità 17/01

Grippa: "Emendamento al Milleproroghe per rinviare la chiusura dei quattro tribunali abruzzesi"

Chiesta anche l’apertura delle piante organiche

È stato presentato un emendamento al decreto Milleproroghe in esame alla Camera, a prima firma della deputata vastese Carmela Grippa, per la proroga della chiusura dei tribunale e l'apertura delle piante organiche". L'obiettivo è quello di rinviare la chiusura, oggi fissata a settembre 2022, per poi provare a rivedere definivamente il provvedimento di revisione della geografia giudiziaria. Con l'emendamento si punta a far slittare la prevista chiusura al 14 settembre 2024.

"Se c’è un argomento che ci sta a cuore per il futuro della giustizia della nostra Regione - commentata la parlamentare del Movimento 5 Stelle - è sicuramente quello della proroga della chiusura delle sedi dei Tribunali di Vasto, Lanciano, Avezzano e Sulmona già soppresse dalla riforma della Geografia Giudiziaria".

L'emendamento presentato è "frutto di un lavoro svolto in sinergia con il territorio ed i suoi rappresentanti istituzionali con i quali siamo riusciti a produrre elementi aggiuntivi e significativi esplicati nella relazione illustrativa dell'emendamento, che, oltre a quelli già noti, sicuramente sapranno fornire ulteriori spunti di riflessione e potrebbero dar valore e far protendere per la concessione della stessa di ulteriori due anni. Il tutto per consentire alle strutture delle sedi accorpanti di Chieti e L’Aquila di effettuare gli interventi necessari che non potranno certamente essere svolti prima del prossimo 14 settembre 2022. È la battaglia del momento per cui dobbiamo impegnarci fino all’ultimo per rispondere alle esigenze dei cittadini e dei professionisti del settore giustizia".

 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi