Vasto   Politica 14/01

Variante alla SS16, carotaggi sul costone. Menna: "No ai tir vicino al d’Avalos, sì alla galleria"

Il sindaco chiede all’Anas di non fare la strada sotto la balconata orientale

Vasto. La cartina della variante prevista dall'Anas al di sotto della balconata panoramica del centro storicoLe operazioni di carotaggio lungo il costone orientale di Vasto riaccendono la spia rossa nel mondo politico locale. Campioni di terreno sono stati prelevati ieri nella zona di via Fonte Joanna per studiare la composizione del sottosuolo. Motivo: la costruzione della variante alla statale 16. Attesa da da oltre vent'anni, la strada che dovrà allontanare il traffico pesante dalla riviera mette d'accordo maggioranza e opposizione, perché nessun partito vuole il viadotto al di sotto della balconata panoramica del centro storico. Di questa soluzione proposta dall'Anas si parla ormai da due anni. Ecco il video del 2020: GUARDA.

"Sulla questione dei carotaggi che l'Anas sta facendo in via Fonte Joanna - annuncia il sindaco, Francesco Menna - chiederò una riunione con i rappresentanti dell'ente, ben conoscendo la bravura e l'operosità del direttore Antonio Marasco, che riuscirà a conciliare giustamente le esigenze del territorio, le ambizioni e i desideri dei cittadini con la necessità di una variante. Ritengo che, se proprio variante dobbiamo parlare in quell'area, a questo punto dobbiamo riprendere il progetto di quella galleria che, probabilmente, concilia gli interessi di tutti e potremo, a quel punto, parlare di variante del sorriso".

Francesco Menna"Noi coltiviamo un progetto di mobilità sostenibile, quello della strada del brodetto, per unire, attraverso la sostenibilità fisica, la ciclobike, la passeggiata, Vasto città con Vasto Marina. Penso a quelle navicelle spaziali rappresentate dalle funivie o dalle funicolari, che impattano sui territori e sono impossibili da fare sulla nostra bellissima area tra pareri, terreni privati, espropri e vincoli di ogni natura. La variante potrebbe, invece, rappresentare l'opportunità di trasformare il tratto di statale 16 che attraversa Vasto Marina in una strada del mare, spostando quei pachidermi di tir all'interno di una galleria che li nasconderebbe fino ad arrivare quasi a San Salvo, nella zona industriale. Se di variante si deve parlare, deve essere di galleria, perché conserva la bellezza della nostra città. Invece la variante a raso che passa sotto a Palazzo d'Avalos è incompatibile sotto gli aspetti ambientale, turistico, idrogeologico, culturale con la nostra città".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi