Vasto   Cronaca 07/01

Vaccinazione dei bambini, prenotarla a Vasto è un’impresa. Menna: "Errore della piattaforma Poste"

Disservizi segnalati dalle famiglie. Scuole, non ci sarà un’altra ordinanza di stop

Il centro vaccinale di VastoFar vaccinare i bambini a Vasto è diventata un'impresa per le famiglie vastesi. Nella migliore delle ipotesi, si deve andare a San Salvo o ad Atessa. Altrimenti fuori provincia. Prima data disponibile per il centro vaccinale di Vasto: 27 marzo. Disservizi raccontati a Zonalocale da docenti e genitori degli alunni, che chiedono alle autorità sanitarie di trovare una soluzione.

Risponde il sindaco, Francesco Menna: "Ho sollevato questo problema nella riunione del comitato ristretto dei sindaci della Asl", dice a Zonalocale. I primi cittadini e i vertici dell'azienda sanitaria si sono confrontati ieri mattina, in videconferenza, sulle contromisure da adottare per arginare l'ondata post natalizia di contagi. "Il problema - dichiara Menna - è che, per la vaccinazione dei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, il sistema informatico smista le prenotazioni su realtà molto lontane dalla città di residenza. Quindi, per esempio, alcuni sono costretti a recarsi a Teramo, ad Avezzano o ad Atessa. La Asl si appoggia al sistema informatico di Poste italiane che, purtroppo, non si basa sulla residenza dei bambini, quindi crea questi disagi. I referenti della Asl mi hanno detto che, ripedendo più volte le operazioni di prenotazione, si riesce a prenotare a Vasto. In qualità di sindaco e di presidente della Provincia di Chieti, ho chiesto di risolvere quanto prima questo problema. Si sono impegnati a sentire Poste italiane e a far fronte subito a questo disagio".

Altra questione: il rientro a scuola. Non ci sarà un'altra ordinanza comunale. "L'orientamento deciso dal Consiglio dei ministri è per il ritorno a scuola e la chiusura nei casi previsti dalla nuova normativa", ricorda Nicola Della Gatta, assessore comunale alle Politiche di prevenzione sanitaria e di tutela della salute. "Quindi non ci sarà nessuna determinazione a disporre un'ulteriore sospensione delle attività. Comunque, continueremo a monitorare la situazione".

Quando si va in Dad - La Fp Cgil provinciale di Chieti riassume, in una nota, le nuove norme sulla didattica a distanza.

"Scuola primaria: con un caso di positività si attiva la sorveglianza con testing del gruppo classe: l'attività prosegue in presenza effettuando un test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività. Il test sarà ripetuto dopo cinque giorni. In presenza di due o più positivi è prevista, per tutta la classe, la didattica a distanza per la durata di dieci giorni.

Scuola secondaria di I e II grado: con un caso di positività nella stessa classe è prevista l’autosorveglianza con la prosecuzione delle attività e l’uso delle mascherine ffp2. Con due casi nella stessa classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che non hanno avuto la dose di richiamo e hanno
completato il ciclo vaccinale da più di 120 giorni e per coloro che sono guariti da più di 120 giorni. Per tutti gli altri è prevista la prosecuzione delle attività in presenza con l’autosorveglianza e l’utilizzo di mascherine ffp2. Con tre casi nella stessa classe è prevista la didattica a distanza per dieci giorni per tutta la classe.

Saranno potenziate le attività di screening per consentire alla popolazione scolastica in autosorveglianza di effettuare i test gratuitamente in farmacia e nelle strutture convenzionate. È partita la distribuzione di mascherine ffp2 al personale preposto alle attività scolastiche e didattiche nelle scuole dell'infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado, dove sono presenti bambini e alunni esonerati dall'obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi