Vasto   Attualità 08/12/2021

Dopo Report, i presidi precisano: "Banchi non buttati, ma prestati al centro vaccinale"

Il caso

I banchi usati nel centro vaccinale di Vasto sono stati prestati e non erano buttati dentro le scuole. La precisazione arriva dai dirigenti degli istituti scolastici dopo le dichiarazioni rilasciate da Anna Suriani, responsabile dell'hub per la campagna di vaccinazione anti Covid, a Report, la trasmissione di Rai 3 condotta da Sigfrido Ranucci [GUARDA].

I presidi Anna Orsatti, Nicoletta Del Re, Maria Grazia Angelini, Gaetano Fuiano, Sandra Di Gregorio, Maria Pia Di Carlo e Concetta Delle Donne hanno diramato un comunicato congiunto: "I dirigenti Scolastici di Vasto in merito al servizio di Report sugli arredi scolastici e precisamente in relazione alle affermazioni per cui i banchi '… erano buttati dentro le scuole ed erano poco utilizzati a scuola, quindi non è che li abbiamo sottratti a qualcuno, anzi abbiamo fatto la gioia dei dirigenti scolastici a levargliegli di mezzo', precisano che tale affermazione non coincide con il pensiero e la convinzione dei presidi anzi sono gratuite interpretazioni personali che denotano una scarsa conoscenza di quanto avviene realmente nelle scuole. Inoltre - prosegue la nota - precisano che: una scuola di Vasto ha 'prestato' i banchi per un motivo condivisibile e giusto e in un’ottica di collaborazione tra istituzioni e di questo va dato merito; i banchi sono stati richiesti dai dirigenti e vengono utilizzati all’interno di laboratori e aule speciali in quanto sono funzionali ad una didattica innovativa che utilizza metodologie all’avanguardia. Pertanto - concludono i dirigenti delle scuole di Vasto - chiediamo che siano smentite le affermazioni sopra riportate e che si inizi finalmente a parlare di scuola con gli attori e i protagonisti della scuola, evitando di strumentalizzare e di utilizzare un tema tanto delicato quanto strategico per il futuro del paese".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi