Vasto   Attualità 03/12/2021

Istonia, il costone va messo in sicurezza. D’Elisa: "Soluzioni a basso impatto ambientale"

Strada chiusa da una settimana. Sputore: "Centomila euro per l’asfalto drenante"

Vasto, strada provinciale 212 Istonia: il tratto in cui il terreno ha cedutoVanno prevenuti altri smottamenti. Dopo il cedimento del terreno ai margini della strada, è chiuso ormai da una settimana un tratto della provinciale 212 Istonia: è un pezzo della corsia Vasto città-Vasto Marina, in tutto 56 metri compresi tra piazza Verdi e la rampa del viadotto Histonium [LEGGI]. Pur essendo strada provinciale, quel segmento è di competenza del Comune. 

"C'è stato un sopralluogo dei tecnici del Genio civile", spiega Alessandro d'Elisa, assessore comunale ai Servizi manutentivi. "Da loro attendiamo indicazioni sul da farsi, per capire se sarà il Genio civile a occuparsi di finanziare l'intervento oppure se i lavori saranno a carico del Comune. I nostri uffici hanno elaborato un progetto, col relativo computo metrico. Le soluzioni sono due: fare un gabbione, altrimenti scegliere soluzioni di contenimento alternative e meno impattanti da punto di vista ambientale, in modo da consentire la rigenerazione della vegetazione. Propendiamo per questa seconda ipotesi".

Carreggiata piena di curve e stretta in diversi punti: la strada è vecchia e inadeguata agli attuali volumi di traffico da e verso l'ingresso principale della città [LEGGI]. 

"In questi anni - precisa il consigliere provinciale Vincenzo Sputore - abbiamo investito molto sulla manutenzione dell'Istonia. La Provincia, inoltre, ha stanziato 100mila euro per stendere altri tratti di asfalto drenante, simile a quello realizzato anni fa all'altezza della cosiddetta curva della morte, dove non si sono più verificati incidenti da quando c'è il manto che contrasta il rischio di aquaplaning". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi