CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 25/11

Stalking e maltrattamenti in famiglia, moglie minacciata con un coltello: marito ai domiciliari

25 novembre, l’appello del vicequestore Capaldo: "Rompere il muro di silenzio"

Fabio CapaldoMaltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, stalking, lesioni personali aggravate e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice.

Sono le accuse di cui dovrà rispondere un uomo di Vasto che la polizia ha posto agli arresti domiciliari su disposizione del giudice per le indagini preliminari "per gravi reati commessi nei confronti della moglie e dei figli minorenni o, comunque, in presenza degli stessi", si legge in una nota del vicequestore aggiunto Fabio Capaldo, dirigente del Commissariato di via Bachelet.

"La donna, nel mese di settembre, a causa delle ripetute violenze subite, decideva di sporgere querela nei confronti del marito, raccontando anni di soprusi e sopraffazioni". Dalle indagini è emerso che la donna e i figli "erano stati offesi nel decoro e nella dignità, ponendoli in uno stato di sofferenza fisica, morale e psichica. La donna veniva continuamente offesa e minacciata dinanzi ai bambini ed una volta, causa l'ubriachezza molesta dell'uomo, veniva colpita violentemente alla testa causandole la perforazione del timpano. In un episodio - racconta Capaldo - l'uomo minacciava la donna con un coltello in presenza dei bambini; questi venivano addirittura spintonati e poi l'indagato la colpiva con un pugno al volto".

Per questi motivi, il gip aveva vietato all'uomo di avvicinarsi a meno di 500 metri dai luoghi frequentati da moglie e figli, "provvedimento più volte violato dall'indagato. In alcune occasioni - si legge nel comunicato - la donna è stata costretta anche a subire rapporti sessuali contro la sua volontà. Le gravi condotte poste in essere, quali anche pedinamenti e continue ed insistenti telefonate, determinavano nella denunciante un grave e perdurante stato d'ansia e di paura ed ingeneravano un fondato timore per la proprie incolumità e per quella del compagno al quale, nel frattempo, si era legata sentimentalmente. Da ultimo, a fine ottobre, la donna ed il nuovo compagno venivano aggrediti con calci, pugni e schiaffi all'interno di un centro commerciale di Vasto, causando all'uomo lesioni giudicare guaribili in 10 giorni". Perciò, al termine dell'inchiesta coordinata dalla Procura di Vasto ed eseguita dagli agenti del Commissariato, il giudice ha disposto gli arresti domiciliari.

"La polizia di Stato - conclude Capaldo - in occasione della Giornata internazionale contro la violenza di genere del 25 novembre e attraverso la campagna di sensibilizzazione Questo non è amore 2021, rinnova il proprio impegno ad informare e sensibilizzare le vittime, a rompere il muro di silenzio ed a denunciare o segnalare ogni episodio al fine di interrompere l'escalation di violenza che spesso tollerano".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi