Vasto   Attualità 06/11

"Agli utenti dei servizi sociali sia assicurata la privacy negli uffici comunali"

Borromeo (associazione Papi Gump): "I fatti personali restino riservati"

Antonio Borromeo (associazione Papi Gump)"Ufficio Politiche sociali del Comune, dove può accadere che un tuo problema diventi cosa pubblica. È arrivato il momento che si crei un ambiente che assicuri all'utente la privacy dovuta". A chiedere maggiore privacy è Antonio Borromeo, fondatore dell'associazione Papi Gump, che si occupa di bigenitorialità. Vi è mai capitato di andare al supermercato e esporre sul nastro trasportatore della cassa la vostra spesa e così facendo tutti possono vedere e sapere cosa comprate e cosa usate in casa? Orbene, la stessa cosa accade se vi recate presso l'ufficio delle Politiche sociali del Comune di Vasto, posto al secondo piano del municipio. È giusto far sapere agli utenti che nel momento in cui si recano in questi uffici saranno in qualche modo costretti a palesare le proprie disgrazie e i propri fabbisogni a tutti quelli che sono presenti lungo il corridoio e all'interno dell'ufficio stesso?", chiede Borromeo.

Borromeo critica l'amministrazione comunale per l'organizzazione di questo importante servizio. Chiede di evitare la presenza di più persone "che ascoltano il malcapitato o la malcapitata". Inoltre, "più utenti - afferma il presidente dell'associazione - sono costretti a restare nel corridoio ad esporre i propri problemi in presenza di altri malcapitati. Per di più, seppure l'utente riesce a farsi ricevere all'interno dell'ufficio, comunque gli addetti hanno la pessima abitudine di lasciare la porta aperta, e così facendo comunque tutti quelli che sono nel corridoio ascoltano quello che viene detto all'interno dell'ufficio". "E intanto nei prossimi mesi ci sarà l'erogazione dei buoni spesa e si spera che non si ripeta ciò che è accaduto lo scorso Natale, quando centinaia di famiglie furono costrette a mettersi in fila", racconta Borromeo, "lungo la strada per ritirare la famosa card, di cui però gli addetti dei servizi sociali dimenticarono di comunicare la password".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi