CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 01/11

"Nessuna riconoscenza per i sanitari: 274 in cassa integrazione e istituzioni assenti"

Protestano i lavoratori della Fondazione Mileno: "Rischi per noi e per gli utenti

Vasto Marina. L'Istituto San Francesco, sede della Fondazione Mileno

"È una scelta a dir poco discutibile, quella di mandare a casa in questa fase emergenziale il personale infermieristico, ausiliario e operatori sanitarati addetti all'assistenza di malati-utenti fragili". Così la Cgil commenta la decisione della Fondazione Padre Alberto Mileno di Vasto Marina, che "dal mese di ottobre ha avviato la cassa integrazione che interessa 274 lavoratori, ossia quello stesso personale sanitario a cui tutti i cittadini e le istituzioni hanno chiesto e stanno chiedendo da due anni di tirarci fuori dall'emergenza", si legge in un comunicato della Fp Cgil, firmato dal segretario provinciale, Giuseppe Rucci, e dai rappresentanti sindacali aziendali.

Il sindacato lamenta la totale assenza di risposta dalle istituzioni: "Siamo rammaricati nel constatare che nessuna nostra proposta che va in questa direzione è stata presa in considerazione dalla direzione aziendale anche per una cronica mancanza di programmazione". "Inoltre, le istituzioni regionali e l'imprenditoria dell'irriconoscenza a quegli eroi (che hanno pagato anche un prezzo in termini di vite umane) ancora oggi non hanno destinato neanche un centesimo di indennità". Manifestano il loro "dissenso sulla gestione della cassa integrazione assunta in termini organizzativi dalla direzione aziendale che ha portato a chiudere due reparti". Un problema "che preoccupa moltissimo i lavoratori e provoca grandi difficoltà in tante famiglie di Vasto e del Vastese che sono costrette a ricoverare i propri cari, che necessitano di cure riabilitative, fuori regione".

Tornano a chiedere una convocazione da parte di Regione e Asl per affrontare subito problemi che "rischiano di pregiudicare il futuro della Fondazione, con ripercussioni sui livelli occupazionali e per gli utenti del territorio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi