Vasto   Cronaca 28/10/2021

Vasto senza drive through per tamponi molecolari, nuove proteste

Postazione pubblica chiusa il 9 luglio, per fare il test bisogna andare a Lanciano

Vasto. Il drive through è stato attivo dal 14 gennaio al 9 luglioIl nuovo grido d'allarme arriva da una docente di scuola materna. Il problema è lo stesso segnalato da alcuni professori delle superiori: andare ogni volta da Vasto a Lanciano per sottoporsi a un tampone molecolare. Il rischio è di far rimanere lec scoperte.

Aperto il 14 gennaio con personale di carabinieri e Asl [LEGGI], il drive through (o drive in) di via don Lorenzo Milani ha fornito per mesi tamponi gratuiti a tutti coloro che ne avessero avuto bisogno, soprattutto nello scorso inverno, quando in città si è arrivati ad avere oltre mille persone in isolamento.

Terminato il 9 luglio [LEGGI], quell'utile servizio non è stato più rimpiazzato. Un problema soprattutto per coloro che, per motivi di lavoro, ogni giorno hanno numerosi rapporti interpersonali. A cominciare dagli insegnanti che, a seconda dei casi, si trovano costantemente a contatto con alunni al di sotto dei 12 anni, quindi non vaccinabili in base alle norme in vigore, oppure lavorano in classi in cui è vaccinata solo una parte degli studenti over 12.

"A noi - hanno sottolineato ieri i docenti di scuola superiore che si sono rivolti a Zonalocale - è richiesto il Green pass, mentre agli studenti no. A che serve far osservare rigidi protocolli agli insegnanti, che devono anche andare a Lanciano per fare il tampone ogni volta che si verifica un caso di Covid in una classe, se poi per i ragazzi non sono previste regole simili, visto che, in caso di contagio, viene imposto il tampone solo ai vicini di banco dei contagiati? [LEGGI]".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi