CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 22/10

Cotir, i lavoratori vincono la causa contro Regione e Presidenza del Consiglio

La sentenza del giudice del lavoro: hanno diritto al contratto autonomie locali

Vasto. Una protesta attuata dai lavoratori del Cotir alcuni anni faQuattordici ex lavoratori del Cotir hanno diritto al contratto del settore Regioni e Autonomie locali. Lo ha deciso il giudice del lavoro del Tribunale di Vasto, Silvia Lubrano, che ha respinto il ricorso proposto da Regione Abruzzo, presidenza del Consiglio dei ministri e Aran (agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni).

Il verdetto è contenuto nella sentenza numero 151 del 2021, depositata due giorni fa. Accogliendo le tesi degli avvocati Carmine Di Risio, Fabrizio Proietti ed Erminia Di Filippo, il giudice ha riconosciuto al Cotir la natura di ente pubblico non economico e l'applicazione ai lavoratori del contratto collettivo del comparto regioni e autonomie locali. 

"Esprimiamo grande soddisfazione per l’importante pronunzia e sperano che il calvario degli stessi si sia finalmente concluso", dicono i legali dei lavoratori. "La Regione Abruzzo, la presidenza del Consiglio dei ministri e l’Aran, infatti, invece di individuare una soluzione al problema dei lavoratori continuano a trascinarli in giudizio senza prendere atto delle ripetute pronunzie che vi sono state in loro favore".

Il Cotir, consorzio per le tecniche irrigue della Regione Abruzzo, è stato un centro ricerche nel settore agricolo. Il calvario dei lavoratori è durato anni tra incertezze sul futuro e proteste sul tetto della sede di contrada Zimarino, non lontano dal casello autostradale di Vasto nord. La struttura è abbandonata da quattro anni: è stata devastata dai ladri, con un danno da milioni di euro, come testimonia questo filmato realizzato ad aprile da Zonalocale: VIDEO

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi