Taglio dei pini, Psi: "Non siamo più disposti ad essere spettatori inermi di una politica malsana"

Il comunicato del partito: "Continueremo a vigliare sul futuro della nostra città"

Continua il taglio dei pini della villa comunale di San Salvo [LEGGI], e non si placano le polemiche per la scelta, da molti definita "scellerata", fatta dall'amministrazione comunale. Ultimi, in ordine di tempo, ad alzare le barricate contro l'abbattimento degli alberi sono gli "spettatori non paganti", come si definiscono loro stessi in un comunicato, del PSI cittadino.

"The show must go on", affermano parafrasando una celebre canzone dei Queen. "Così ha deciso l'amministrazione dopo aver accettato la convocazione di un consiglio comunale di facciata, farlocco; perché da principio – affermano - non c'è stata alcuna intenzione di vagliare altre opzioni. E allora via allo spettacolo deprimente al quale stiamo assistendo in questi giorni: l'abbattimento dei pini nell'unica zona verde della città. Un film, purtroppo, già visto in via Amerigo Vespucci a San Salvo Marina, sempre girato dalla stessa regia, ma che questa volta, per bocca della consigliera Marinelli, ci ha tolto anche il beneficio del dubbio sulle reali motivazioni (semmai ce ne fosse stato bisogno) di questa scelta scellerata: ‘rischiamo di perdere il contributo economico da parte della Regione’".

Un'amministrazione comunale che in questi anni, sostengono dal Psi, "ha sempre agito per interessi economici, mai per le reali necessità della nostra città. Ed ecco allora che la semplice manutenzione ordinaria diventa straordinaria: il rifacimento del manto stradale si trasforma in 'piano asfalti', l'innalzamento della pavimentazione pretesto di 'riqualificazione' e così via, puntando sempre più in alto, si mira al forno crematorio per poi passare all'ultima delle idee: una smart city dal costo di 7.5 milioni di euro (citazione dell'assessore Lippis). In altre parole - affermano - la gestione di denaro pubblico, tra l'altro senza alcuna pianificazione, con l'unico scopo di ingraziarsi amicizie. Nulla di nuovo. Un film, anche questo, già visto in tutte le salse italiane possibili. Per rimanere in tema consigliamo la visione di una pellicola non commerciale del 1912, un film muto, incompleto, in bianco e nero: la mala pianta. Ironia del caso vuole che la trama tratti di una donna borghese, soggetta solo lei ad un duro sistema di regole dettate da un ambiente avverso. Praticamente una situazione diametralmente opposta a quella in cui la 'nostra' protagonista reale ha operato e governato in lungo e in largo con un'opposizione politica, nei fatti, inesistente. Il taglio dei pini rappresenta, per noi, la classica goccia che fa traboccare il vaso. Non siamo più disposti ad essere spettatori inermi di una politica malsana".

Non risparmiano gli affondi all'amministrazione della sindaca Magnacca: "La prima cittadina di una 'città che legge' - sottolineano - dovrebbe saper ascoltare il desiderio di molti cittadini (a tal proposito cogliamo l'occasione per rinnovare la stima e la gratitudine al comitato civico ambientalista che più di ogni altro si è impegnato e ha lottato per evitare ciò che sta accadendo). La prima cittadina di una 'città che legge' che, in 10 anni, non ha attuato uno stralcio di politica sociale né culturale, eccezion fatta per le luminarie recitanti versi danteschi e sporadiche premiazioni create ad hoc, utili per pavoneggiarsi con la fascia tricolore. La prima cittadina di una 'città che legge', e chi siederà in futuro al suo posto, sappia che da oggi in avanti il Psi di San Salvo vigilerà sul futuro della nostra città ed è aperto a tutti i volenterosi che l'hanno realmente a cuore. Ci proponiamo come forza alternativa – aggiungono - e come unico partito che può, in questo momento storico, incarnare novità e tradizione nel solco che solo il socialismo può vantare e rivendicare con forza ed orgoglio.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi