Viadotto Sente chiuso da 3 anni: "Attendiamo esito verifiche e speriamo nella riapertura"

I pentastellati Grippa e Greco hanno partecipato all’incontro con Anas

A tre anni dalla chiusura c'è ancora incertezza sul futuro del viadotto Sente, preziosa arteria di collegamento tra Castiglione Messer Marino (Abruzzo) e Belmonte del Sannio (Molise) chiuso dal settembre 2018 [LEGGI], non ci sono ancora certezze sul suo futuro.

Qualche buona notizia sembrerebbe arrivare dall'incontro che si è tenuto ieri nella sede di Roma dell'Anas a cui hanno partecipato la deputata abruzzese Carmela Grippa e il consigliere regionale molisano Andrea Greco, entrambi del Movimento 5 Stelle.

"Siamo soddisfatti di quanto appreso dall’incontro avuto ieri con i vertici di Anas per discutere del futuro del ponte Sente anche in considerazioni delle indagini, delle verifiche e controlli, che sono in corso sull’infrastruttura e che nei prossimi giorni potrebbero far ben sperare per la sua praticabilità. Sul punto l’ing. Castiglioni ci ha rassicurato che non appena si avranno gli esiti delle verifiche sarà indetto un incontro pubblico sul territorio con i rappresentati degli enti locali coinvolti, e a cui parteciperemo, per spiegare le eventuali attività che interesseranno l’impalcato". Attività che non escluderebbero l'opzione della riapertura ai mezzi leggeri del viadotto. 

"Ci auguriamo di ricevere presto gli esiti delle indagini in corso sul ponte perché, nel caso consentissero la riapertura al traffico, significherebbe ridare respiro alla mobilità di un’intera comunità - sottolineano Grippa e Greco -. Era necessario questo incontro che abbiamo fortemente voluto per ridare l’attenzione che merita questa importantissima infrastruttura stradale. Non abbiamo mai smesso di impegnarci perché ciò avvenisse e continueremo a lavorare in questa direzione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi