Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 09/09

Resta prigioniera di una rete: tartaruga libera grazie all’intervento della guardia costiera

"Importante segnalare gli avvistamenti di specie protette per attivare i soccorsi"

L'impegno della guardia costiera di Vasto, passa anche dalla salvaguardia della fauna marina. È di questa mattina la notizia del salvataggio di una tartaruga rimasta impigliata in una rete. Nella tarda mattinata, la guardia costiera ha infatti ricevuto una segnalazione da parte di un diportista, "circa la presenza di una tartaruga in difficoltà - si legge in un comunicato dell'Ufficio circondariale marittimo - impigliata in una rete a circa 500 metri dalla costa, in prossimità del litorale di Vasto Marina".

Immediato l’intervento del "battello veloce GC B14 per tentare il salvataggio dell'esemplare e verificarne lo stato di salute". Individuata la tartaruga, appartenente alla specie Caretta caretta, il personale della guardia costiera ne ha constatato "l'evidente stato di sofferenza, essendo rimasta intrappolata in una rete da posta regolarmente segnalata. L'esemplare, della lunghezza di circa 40 centimetri - spiegano i militari - non presentava fortunatamente alcuna lesione". Dopo diversi minuti l'equipaggio è riuscito, nonostante i continui tentativi della tartaruga di divincolarsi, a liberarla dalla rete. Una volta rimosso l'ultimo filo che la tratteneva, l'esemplare si è allontanato rapidamente verso il largo.

"La guardia costiera di Vasto - sottolineano dal comando - invita tutti i cittadini a voler sempre segnalare, con tempestività, tutti gli avvistamenti o eventuali spiaggiamenti di specie protette ferite o in difficoltà (tartarughe marine, delfini, cetacei), al fine di poter attivare la rete di soccorsi e l'intervento immediato del personale specializzato (biologi marini, medici veterinari), teso al salvataggio di queste specie, molte delle quali in via di estinzione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi