Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 04/09

Lunedì nella chiesa di Santa Maria Incoronata l’ultimo saluto a Francesco Mancini

Eseguita l’autopsia: il decesso avvenuto per un trauma cranico

Saranno celebrati lunedì 6 settembre i funerali di Francesco Mancini, 51 anni, da tutti conosciuto a Vasto come Franchino, morto lo scorso 1 settembre. Il rito funebre si terrà alle 15.30 nella chiesa di Santa Maria Incoronata a Vasto.

La Procura della Repubblica di Vasto, che sta conducendo un'indagine per far luce sulle cause della sua morte, dopo l'autopsia eseguita questa mattina a Chieti, ha dato il via libera per la restituzione della salma ai familiari che hanno così potuto predisporre quanto necessario per l'ultimo saluto. 

E a Vasto Marina, sulla panchina vicino a cui Franchino è stato trovato nella mattinata di mercoledì privo di sensi, sono state portate delle rose rosse.

L'autopsia. Questa mattina all'ospedale clinicizzato di Chieti è stato il dottor Pietro Falco, incaricato dalla Procura, ad eseguire l'esame autoptico. Il decesso del 51enne non è stato per "cause naturali", come era stato ipotizzato nella giornata di mercoledì, ma a provocare la morte di Mancini è stato "un trauma cranico-encefalico". Il medico legale ora avrà 60 giorni per consegnare la sua relazione alla Procura, valutando anche gli esami eseguiti al San Pio, dove Mancini era stato trasportato dopo essere stato trovato privo di sensi in viale Dalmazia e dove, nel primo pomeriggio, è morto. Saranno elementi che, unitamente alle immagini delle telecamere della zona e alle testimonianze, potranno ricostruire quanto accaduto.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi