Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 28/08

A Vasto Marina l’intitolazione di via Angelo Canelli

Il ricordo del medico e musicista prematuramente scomparso nel 2006

Da ieri anche a Vasto c'è una via intitolata ad Angelo Canelli. Si è svolta a Vasto Marina, alla presenza dei suoi familiari e degli amici di una vita, l'intitolazione della traversa di via Donizetti, che ora porterà il nome del medico e musicista prematuramente scomparso a seguito di un incidente stradale.

Nato a Vasto il 19 dicembre 1966, Angelo Canelli ha iniziato a studiare musica classica e a suonare il piano dall’età di cinque anni proseguendo fino a completare il conservatorio. A 16 anni si è dedicato alle tastiere con gli Attack e gli Aut Aut. Durante gli studi universitari a Bologna ha continuato a suonare. Dopo la laurea in Medicina nel 1992 ha lavorato a Pescara. Nel 1997, ha inciso con il suo trio “Angelo Canelli Trio” il suo primo album. Nel 1998, ha vinto il Concorso Nazionale di Baronissi con il suo trio e si è classificato tra i primi cinque pianisti d’Italia nel Premio di Urbisaglia.

Nel 2001, è stato ospite per una settimana della trasmissione radiofonica “Invenzioni a due Voci” di Radio Rai 3. Nel periodo 2002-2005, si è esibito moltissimo sia in Italia che all’estero. Nel 2006, dopo l’uragano Katrina, a maggio è tornato nella patria del jazz  ed in quella occasione ha suonato nel Jazz Fest. Il 7 luglio di quello stesso anno è morto in un tragico incidente automobilistico.

Durante la cerimonia di intitolazione alcuni degli amici più stretti di Angelo Canelli, il dott. Italo Radoccia e Danilo Laccetti hanno ricordato con grande emozione le grandi qualità del medico musicista vastese. E infine l'intervento di Silvio Laccetti che, nel 2016, nel decennale della scomparsa di Canelli, ha raccontato con Asgard, docufilm da lui scritto e diretto da Simone D'Angelo, la vita di Canelli, figura che resterà sempre viva come riferimento culturale e sociale della città.

Nel 2011 era stata intitolata al medico e musicista vastese una strada di Villa Sant'Angelo, comune dell'aquilano colpito dal sisma del 2009

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi