CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/08

Belvedere, nasce il fronte del no al cambio del nome: "Salvare la memoria storica"

"Coniugare l’intitolazione a Petroro e l’antica denominazione". Ipotesi petizione

Vasto. Da sinistra, Michele Celenza, Mercurio Saraceni e Luigi MuroloNon cali l'oblio su Francesco Romani e su un pezzo di storia di Vasto. Attorno a questa richiesta nasce il fronte del no al cambio di nome del belvedere dedicato all'insegnante, medico e studioso dell'omeopatia.

La battaglia è dello storico Luigi Murolo e di tre associazioni: Porta Nuova, Pro loco Città del Vasto e Italia Nostra. Scriveranno al prefetto di Chieti, Armando Forgione, e sono pronti anche ad avviare una raccolta di firme per chiedere alla Giunta Menna che la balconata del Monumento all'Emigrante rimanga Belvedere Romani. Dal 7 agosto, infatti, ha cambiato denominazione: ora è intitolata a Silvio Petroro, l'emigrante in Australia che, una volta rientrato a Vasto dopo tanti sacrifici, diventò imprenditore di successo, fu l'anima del gemellaggio tra Vasto e Perth e il fondatore dell'associazione Pro emigranti abruzzesi nel mondo.

Nella conferenza stampa convocata per sollevare la questione, Murolo e presidenti di Porta Nuova e Pro loco, Michele Celenza e Mercurio Saraceni, non contestano la scelta del Comune, ma vogliono far rimanere entrambi i nomi nella toponomastica cittadina: "Si poteva - afferma Murolo - denominare l'area del Monumento all'Emigrante a Silvio Petroro e far rimanere il Belvedere intitolato a Francesco Romani. È nella potestà dell'amministrazione comunale cambiare la denominazione, ma bisogna capire cosa si cambia. Belvedere Romani è una località storica". Il professore esprime dubbi sulla legittimità dell'atto, perché "il problema è troviamo che scritto 'area residenziale comunemente denominata Belvedere Romani". Invece, "non è comunemente denominata, ma ufficialmente denominata" da oltre un secolo: "Quando è stata cambiata la denominazione, erano 166 anni" che era dedicata a Francesco Romani. Murolo ricorda che la città stessa cambiò nome durante il fascismo: "C'erano delle motivazioni quando, nel '38, Vasto divenne Istonio e, nel '44, quando Istonio tornò a chiamarsi Vasto". Sprona il Comune a chiarire "cosa vuole fare. Rifaccia la delibera di Giunta e la mandi di nuovo al prefetto".

Vasto, 7 agosto 2021: la cerimonia per l'intitolazione dell'ex Belvedere Romani a Silvio PetroroCelenza invita l'amministrazione a non intervenire a cuor leggero su aspetti che riguardano la cultura della città: "La toponomastica - ammonisce - rappresenta la memoria storica di Vasto. Se la cambiamo, andiamo a incidere sulla memoria storica. L'assessore alla Toponomastica, Luigi Marcello, che c'è a fare, se non pensa a queste cose? Poniamo una questione morale, amministrativa e di chiarezza".

Per chiedere alla Giunta di fare una parziale marcia indietro, i promotori dell'iniziativa hanno in mente due azioni: "Invieremo - annuncia Saraceni - la documentazione al prefetto, alla Deputazione abruzzese di storia patria e al sindaco, Francesco Menna, affinché ne prendano atto. Altrimenti siamo disposti ad avviare una petizione popolare con cui chiederemo al sindaco che l'intitolazione a Petroro, su cui noi non discutiamo, non elimini Francesco Romani dalla memoria storica. In caso contrario, solleciteremo l'amministrazione a tornare alla denominazione Belvedere Romani e a intitolare un altro luogo a Silvio Petroro". 

"Perché - dice Celenza - il Comune, prima di fare queste cose, non si rivolge a un esperto?".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi