Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Ombrelloni e sdraio lasciati sulle spiagge libere: a Casalbordino scatta la rimozione

Ieri sera l’operazione di polizia locale e protezione civile

È scattato ieri sera, sulla spiaggia di Casalbordino Lido, il sequestro di ombrelloni, sdraio, lettini e altri oggetti, lasciati dai proprietari sulle spiagge libere. Una consuetudine, quella di lasciare le proprie attrezzature di notte sull'arenile così da trovare occupato il tratto di spiaggia il giorno succesivo, che contrasta con le norme di accesso in spiaggia. Situazione che, nei giorni scorsi, aveva generato anche proteste da parte dei bagnanti che, recandosi in spiaggia al mattino, trovavano già gli spazi occupati.

Così, ieri sera, la polizia locale e i volontari della protezione civile Madonna dell'Assunta, hanno provveduto a rimuovere tutto il materiale che era presente abusivamente dopo il tramonto. "Purtroppo  tutti questi oggetti lasciati sul litorale, sono un  chiaro ostacolo agli addetti della pulizia, pertanto si raccomanda di non lasciare nulla nelle spiagge libere", si legge in una nota della protezione civile.

"Da diversi anni, si ricorda, è in vigore l’ordinanza con la quale il Comune di Casalbordino adotta il provvedimento  dell’Autorità Marittima. I proprietari degli oggetti, se identificati, saranno sanzionati ai sensi dell’art. 1164 del Codice della Navigazione che prevede una sanzione amministrativa da 100 a 1000 Euro. Ulteriori controlli saranno eseguiti nei prossimi giorni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi