Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 08/08

Belvedere intitolato a Silvio Petroro: "Riuscì a sviluppare legami indissolubili con gli emigranti"

Ieri sera la cerimonia nella piazza del Monumento all’Emigrante

Intensa celebrazione della memoria quella andata in scena ieri sera a Vasto con l'inaugurazione del belvedere intitolato al compianto Silvio Petroro. "Poche personalità - sottolinea il sindaco, Francesco Menna - hanno così profondamente interconnesso la propria vicenda umana a quell'insieme di socialità, tradizioni, alla stessa essenza della propria comunità".

"Per questo motivo, come amministrazione comunale - prosegue il primo cittadino - abbiamo pensato di dedicargli un meraviglioso scorcio di città che, grazie alla sua opera, racchiude un monumento, che più di ogni altro, esemplifica quella che fu la principale missione di 'don Silvio': riannodare i fili del legame tra vastesi residenti e figli di questa città che hanno stabilito il proprio futuro in molteplici località del mondo. Silvio Petroro è stato un grande spirito libero e soprattutto un grande 'lottatore' in tutte le situazioni di vita che si è trovato a sperimentare, finanche contro la malattia, che lo ha tormentato negli ultimi anni. Nonostante le avversità, egli non perdeva il suo proverbiale sorriso e la sua schietta simpatia.

Rileggendo la storia della sua vita - afferma Menna - emerge un'opera instancabile, attraverso encomiabili iniziative, che hanno lasciato un'impronta più significativa a Vasto: la costituzione dell'associazione 'Pro Emigranti Abruzzesi' (1985); l'inaugurazione del Monumento all'Emigrante (1986); il gemellaggio Vasto-Perth (1989); l'innalzamento della Croce a Montevecchio per ricordare quanti non sono potuti tornare in patria (1993); la posa della pietra in quarzo nella Villa Comunale, pietra proveniente dalle miniere del Western Australia (1996); la raccolta delle testimonianze dei Vastesi nel mondo ne 'Le storie dei nostri emigranti' (2006).

Lo sviluppo di legami indissolubili con gli emigranti fu al centro, anche, dell'ideazione della 'Festa del Ritorno', divenuta, nel corso degli anni, un appuntamento irrinunciabile dell’estate vastese, portata avanti con energia encomiabile dal caro figlio Gianni. La celebrazione di quella comunione d'origine che lega indissolubilmente quanti risiedono a Vasto e quanti sono lontani dalla nostra terra, è quanto mai opportuna in un momento storico in cui si avverte la necessità di rinsaldare i vincoli di fratellanza e di amicizia".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi