Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Via Cardone pericolosa, il Comune si è dimenticato di questa zona"

La protesta

Vasto, via CardoneLa popolazione cresce, ma i problemi sono sempre gli stessi. Sono questioni di sicurezza stradale, quelle che pone Giuseppe Reale, residente di via Cardone, in contrada Sant'Antonio Abate, a Vasto.

Il nostro lettore vuole sollevare i disagi vissuti non solo dagli abitanti della parte alta della città, ma anche da quelli della periferia ovest, perché le stesse difficoltà vengono vissute giornalmente da coloro che abitano lungo la strada provinciale San Lorenzo: "Come è noto a tutti, sono due strade particolarmente pericolose, specie per i pedoni che rischiano tutti i giorni di essere investiti perché non esistono marciapiedi, né dissuasori di velocità e perché, se si deve attraversare, non si sa da dove farlo. In particolare, parlo del tratto di via Cardone immediatamente successivo al cavalcavia, dove c'è l'incrocio per San Salvo che è stato teatro di diversi incidenti. A chiedere sicurezza non sono solo io, ma tutti i residenti della zona che, quando fanno la spesa a piedi portando il proprio figlio o l'amico a quattro zampe a fare una passeggiata, rischiano di essere investiti". 

Nel 2019 Zonalocale aveva intervistato alcuni residenti [LEGGI]. Ora "il sindaco (già interpellato) e i suoi collaboratori - protesta Reale - si sono disinteressati a una periferia così popolata".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi