Timeout - Lanciano, verso le elezioni amministrative Ospiti: Ivaldo Rulli - candidato a sindaco Movimento Rilanciamo Lanciano, Mario Giancristofaro - giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 30/07

Nuovo ospedale, Verì e Schael: si può fare in tre anni, ci sono 85 milioni". Ne servono in tutto 150

Assessore regionale e dg della Asl presentano il progetto di fattibilità

Tre anni per aprire il nuovo ospedale di Vasto. Millenovantacinque giorni per costruirlo. Ma cominceranno a decorrere da quando l'iter sarà terminato e, soprattutto, la Regione avrà trovato tutti i soldi necessari: oggi sono 85 milioni, ne servono in tutto 120 per aprirlo, più altri 30 affinché vada completamente a regime. Mancano all'appello ancora 65 milioni.

A fornire questi dati sono l'assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, e il direttore generale della Asl provinciale, Thomas Schael, nella conferenza stampa in cui, nella sala riunioni del Distretto sanitario di base di Vasto, mostrano il progetto insieme al direttore sanitario aziendale, Angelo Muraglia, all'ingegner Filippo Manci, direttore dell'unità operativa di ingegneria clinica, e a Stefano Pallavicini, direttore tecnico della Proger, che ha stilato il progetto di fattibilità tecnica ed economica, cui dovranno far seguito i progetti definitivo ed esecutivo.  

I terreni per la futura struttura sanitaria, attesa dal 1999, si trovano in contrada Pozzitello, al confine con San Salvo. L'ospedale comprensoriale è pensato per accogliere 230 posti letto, i reparti attuali con l'aggiunta dell'unità operativa complessa di gastroenterologia e della direzione sanitaria ospedaliera.

"Il nuovo ospedale, che sarà dotato delle unità operative previste nel documento di programmazione adottato dalla Regione - spiega Schael - si svilupperà su due piani interrati, dove trovano collocazione le Aree dell’Emergenza e Intensiva, l’Emodinamica, la Radiologia e i Servizi in generale, e tre sopraelevati, che accolgono gli ambulatori, la Neurologia con la Stroke unit, e le degenze suddivise in area chirurgica e medica. Prevista la esternalizzazione di servizi no core quali sterilizzazione, cucina e lavanolo. Neanche un metro è stato sprecato per attività che non fossero di tipo assistenziale, perché la nostra vocazione è curare, e solo su quella dobbiamo concentrarci". 

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Presentato il progetto per il nuovo ospedale di Vasto

Le interviste all'assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì e al dg della Asl 2 Thomas Schael



 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi