Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Individuato il responsabile dell’incendio di Carpineto Sinello: rischia da 1 a 5 anni di carcere

I carabinieri forestali: "Stava bruciando residui vegetali"

Le indagini dei carabinieri forestaliÈ stato individuato e denunciato l'uomo che ieri ha dato il via al disastroso incendio di Carpineto Sinello. Il rogo che ha richiesto l'intervento di numerose squadre di vigili del fuoco, di un elicottero e di due canadair ha incenerito numerosi ettari di vegetazione, distrutto la pineta in contrada Policorvo e messo a serio rischio diverse abitazioni.

I militari della stazione Carabinieri Forestale di Gissi anche attraverso l’applicazione del metodo delle evidenze fisiche (M.E.F.), sono riusciti a localizzare il punto dal quale sono partite le fiamme e, successivamente, hanno individuato il responsabile deferendolo all’autorità giudiziaria per incendio boschivo colposo. Sull'identità dell'uomo i militari non forniscono dettagli.

I carabinieri forestali spiegano che l'uomo stava bruciando residui vegetali e ha perso il controllo del fuoco che si è rapidamente  diffuso nelle aree circostanti a causa del clima torrido e della presenza di vegetazione secca. Ai sensi del secondo comma dell’art. 423 bis del codice penale, l'indagato rischia la reclusione da uno a cinque anni. 

"Nel periodo di alta pericolosità – sottolinea il comandante Tiziana Altea – vanno rigorosamente evitate condotte anche solo potenzialmente capaci di innescare incendi. Gli incendi boschivi colposi rappresentano la categoria che si verifica con maggiore frequenza in estate e troppo spesso se ne sottovalutano le conseguenze di natura penale derivanti da attività vietate o poste in essere con superficialità e trascuratezza".

I due canadair in azione ieri

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi