CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Cinghiali si arrampicano e depredano gli alberi da frutto, è ora di intervenire"

Bosco (Terre di Punta Aderci): "Ora gli albicoccheti, poi toccherà alle vigne"

Casalbordino. Cinghiale fa razzia di albicoccheUn cinghiale che si alza, si appoggia con le zampe anteriori a un albero e ne mangia i frutti. Gli ungulati sono tornati nei giorni scorsi a fare razzia nelle campagne del Vastese.

Lo dimostra la foto inviata a Zonalocale da Michele Bosco, presidente del comitato Terre di Punta Aderci: "Ora tocca alle albicocche, più in là toccherà all'uva, com'è già successo negli anni scorsi", fa notare il referente del sodalizio che da anni chiede provvedimenti per tutelare agricoltori e automibilisti danneggiati dagli animali selvatici.

"La stampa regionale ormai è un bollettino di guerra, perché tutti i giorni sulle strade abruzzesi ci sono incidenti con gli ungulati. Mi meraviglia che ci sia ancora chi dica che sono danni collaterali sopportabili. Questa foto - afferma Bosco - è l'ulteriore prova, se ce ne fosse bisogno, che la specie si è trasformata nel modo di alimentarsi: ormai i cinghiali mangiano i frutti degli alberi e non più solo i tuberi. Il comitato, insieme ad altri, si sta adoperando per far sì che tornino al centro dell'attenzione gli operatori agricoli, affinché questi ultimi riconquistino il ruolo, che storicamente hanno avuto e che, secondo me, spetta loro di diritto-dovere, di gestione e conservazione dell'ambiente, perché sono loro che lo hanno conservato fino a oggi". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi