CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Dieci pecore sbranate da un branco di lupi a cento metri dalle case"

L’allarme lanciato da un residente di via Salce

Vasto, via SalceAllarme lupi nelle campagne della parte alta di Vasto. "Ieri un branco ha sbranato dieci pecore del mio piccolo gregge. Se ne sono salvate solo tre", dice a Zonalocale Antonio Sgrò, residente via Salce, la strada che si trova a a sud di contrada Sant'Antonio Abate e passa sotto a un viadotto dell'autostrada A14.

"Tutto è successo a meno di cento metri dalle case", racconta. "Ieri ho portato le pecore al pascolo, come sempre, su un terreno della zona. Al mio ritorno, alle 16, non le ho più viste. Proseguendo, mi sono trovato di fronte a una scena agghiacciante: dieci di loro erano state sbranate. Se ne erano salvate solo tre, di cui due nascoste sotto le pecore morte. Ho allertato i carabinieri forestali e la Asl. I veterinari dell'azienda sanitaria hanno accertato la causa della morte. In questa zona c'è un branco di lupi che ormai si spinge talmente vicino alle case, da essere diventato un pericolo per le persone. Anche uno dei miei cani è stato sbranato. Nonostante le mie precedenti segnalazioni, non sono stati presi provvedimenti. Vanno catturati e portati altrove. Il danno economico è grande, ora dovrò noleggiare anche un escavatore per seppellirle dove mi dirà la Asl. Ma il problema da queste parti, tra Sant'Antonio Abate, via Lota e via del Tratturo, non ci sentiamo al sicuro".

Zonalocale ha le foto riferite a questa notizia, ma ha deciso di non pubblicarle perché possono impressionare.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi