CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Eventi 15/06

Da zero a tremila: 100 km a piedi da Punta Aderci al Monte Amaro

Torna l’iniziativa del Cai Vasto

Tre giorni di cammino, 100 km circa da macinare a piedi sentendosi un po’ pastori, viandanti, pellegrini! Attraversare vecchi tratturi e tratturelli, percorrere carrarecce che un tempo collegavano centri abitati e sentieri che fino a qualche decennio fa sono stati testimoni  di una spiritualità espressa con il pellegrinaggio verso luoghi di fede! Vuole essere  fondamentalmente questo il cammino da 0 a 3000. Non una sfida, non una prova di forza, ma un modo per procedere a ritroso verso le nostre radici più profonde.  Ripercorrere le orme dei pastori, dei viandanti, dei pellegrini, mettersi “nelle loro scarpe” per conoscere e riconoscere la cultura da cui proveniamo.

Il cammino, organizzato dal Club Alpino Italiano di Vasto (con il patrocinio del CAI Regione Abruzzo, del Comune di Vasto e della Riserva di Punta Aderci) avrà inizio dalla spiaggia di Punta Penna, percorrerà tutta la Riserva di Punta Aderci e quella del Bosco di Don Venanzio, attraversando poi i territori del comune di Pollutri e Scerni, raggiungerà Atessa. Il secondo giorno, risalendo le colline ai piedi della Majella, raggiungerà il comune di Roccascalegna e poi quello di Fara San Martino. Dalle omonime gole il terzo giorno i camminanti percorreranno il sentiero che porta sul Monte Amaro  e che si snoda lungo la meravigliosa valle di Santo Spirito. È qui che spiritualità e cultura agro-pastorale, i temi a cui vuole ispirarsi  il cammino 0-3000, trovano un connubio e una sintesi perfetta:  qualche anno fa infatti, in uno scenario che lascia senza fiato, è stata riportata alla luce  l’Abbazia benedettina di San Martino in Valle le cui origini risalgono al IX, X secolo.  Qui, inoltre, resiste al tempo l’ultimo pastore della Majella  (Domenico Di Falco) che ancora oggi effettua la transumanza verticale e porta in estate il suo gregge di pecore e capre a brucare l’erba fresca delle alte quote.  Insomma un cammino non solo attraverso luoghi di bellezza notevole, ma anche e soprattutto attraverso la storia!

Buon cammino a tutti i partecipanti.

Gianni Colonna
Addetto stampa CAI Vasto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi