Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 10/06

Cammini Abituali, con Italia Nostra alla scoperta di piazza Rossetti

Il 12 giugno il primo di una serie di appuntamenti

Italia Nostra ritorna nei luoghi della memoria vastese per condividere con tutti l'esperienza della conoscenza col suo inconfondibile stile. Il 12 giugno alle 18, con appuntamento in piazza Rossetti, ci sarà l’appuntamento con con “Cammini Abituali”, un ciclo di incontri all’aperto, che avranno come scenografia e come protagonista la Città del Vasto. A guidare nella scoperta e nella narrazione sarà il professor Luigi Murolo.

Scrive Davide Aquilano, presidente di Italia Nostra del Vastese nel presentare l’evento:  «Nessuno avvertì la bellezza/dei cammini abituali» aveva scritto Jorge Luis Borges nel suo Barrio reconquistado. Non percorsi nuovi; ma quelli di sempre. Gli stessi di cui ognuno di noi crede di conoscere ogni cosa. In effetti, la bellezza di cui parla Borges è quella che balza di fronte al volto con gli occhi che guardano, non con quelli che vedono. Con gli occhi che interrogano e si interrogano; non con quelli che fissano il vuoto e passano avanti.  

In buona sostanza, la città si inventa (da invenio, io trovo) ogni momento che la si guarda con attenzione, La si scopre ogni qualvolta si cerca in essa ciò che è visibilmente nascosto ai soli occhi di chi vede. E allora proprio perché si tratta di rimuovere quelle patine e quei veli via via interposti alla sensibilità percettiva degli individui, non si può non tener conto di quei suggerimenti ermeneutici proposti da Italo Calvino e disseminati negli infiniti rivoli di Una pietra sopra che così recitano: «Per vedere una città non basta tenere gli occhi aperti. Occorre per prima cosa scartare tutto ciò che impedisce di vederla, tutte le idee ricevute, le immagini precostituite che continuano a ingombrare il campo visivo e la capacità di comprendere. Poi occorre saper semplificare, ridurre all’essenziale l’enorme numero d’elementi che a ogni secondo la città mette sotto gli occhi di chi la guarda e collegare i frammenti sparsi […]». Quasi a dire con il Rilke dei Sonetti a Orfeo: «Nostro compito ora è di connettere / parti e frammenti […]».  

Stando così le cose, la domanda da porre è la seguente: vogliamo cercare di guardare la città? La risposta è nella domanda. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi