Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Christian si poteva salvare", la famiglia di Cerbone si oppone all’archiviazione del caso

Stamattina parenti e amici davanti al tribunale

Stamattina parenti e amici di Christian Cerbone si sono ritrovati davanti al tribunale di Vasto in occasione dell'udienza sul caso del 19enne morto nel maggio del 2019. Il giovane si sentì male durante una partita di calcetto con gli amici a San Salvo Marina, l'ambulanza del 118 lo trasportò all'ospedale di Vasto in arresto cardiaco, fu poi trasferito a Chieti dove morì. 

Per la morte del ragazzo sansalvese sono stati indagati sette medici (Antonello Cerella, Arnaldo Tascione, Francesco Tascione, Federico Squartecchi e Luciano Di Felice i legali). Le risultanze degli ulteriori accertamenti disposti dalla Procura della Repubblica di Vasto hanno portato alla richiesta di archiviazione del caso avanzata dal pm Michele Pecoraro
I genitori di Christian non si sono mai rassegnati all'idea che non potesse essere salvato. Il loro legale, Virgilio Romano, stamattina ha presentato opposizione al decreto di archiviazione. Gli accertamenti fatti dal perito di parte, Gaetano Thiene, dimostrerebbero che in ambulanza non fu usato il defibrillatore, circostanza ritenuta decisiva per cercare di salvare la vita al giovane.

C'è attesa ora per la decisione della giudice Anna Rosa Capuozzo su un caso che colpì profondamente la comunità sansalvese. Come detto, amici e famigliari da sempre sostengono che il 19enne poteva essere salvato: in buona salute, era risultato da poco idoneo per arruolarsi nell'Esercito.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi