Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 14/05

Col drone sulle prime bike lane di Vasto. "Transizione verso una nuova mobilità"

Giammichele: "Abbiamo mantenuto i parcheggi preesistenti anche se non tracciati"

Paola CianciLa mobilità sostenibile e il suo sviluppo sono da anni argomento al centro dell'attenzione di amministrazioni e cittadinanza. Esigenza cresciuta nel corso degli ultimi tempi, a causa della pandemia che ha portato sempre più persone a ricorrere a mezzi di trasporto "alternativi" a macchine e mezzi pubblici come, ad esempio, le biciclette. Contesto che ha accelerato la comparsa, in sempre più territori, delle bike lane.

Con l'assessora alla mobilità, Paola Cianci, l'ingegner Luca Giammichele, responsabile dell’ufficio lavori pubblici del Comune di Vasto, e il presidente di CNA Abruzzo Giovani, Luca Lecce, abbiamo parlato della bike lane della Circonvallazione Histoniense, dove la rete è stata già realizzata, e di Biciplan. "Ci siamo adeguati alla normativa nazionale – spiega l'assessora alla mobilità Paola Cianci ai microfoni di Zonalocale - che, con il Decreto Rilancio 2020, ha introdotto le bike lane, corsie ciclabili transitorie. Il Governo nazionale ha deciso di fornire ai Comuni uno strumento di facile realizzazione e poco oneroso per poter mettere in sicurezza i ciclisti".

Ed è proprio il tema della sicurezza ad aver generato, nei mesi scorsi, una polemica che ha diviso l'opinione pubblica e il mondo politico, tra chi ritiene le bike lane un importante passo avanti per la mobilità e chi le addita come poco sicure e pericolose per i ciclisti.

di Serena Smerilli (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi