Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Musica 10/05

Un mondo fatto di contrasti: "Non passa +" è il singolo d’esordio de I Malati Immaginari

È uscito il primo videoclip del duo abruzzese

"Un mondo fatto di contrasti, generato da un unico spirito incarnato da due opposti, un ragazzo e una ragazza che usano la propria musica come terapia per la propria ipocondria". È questo il mondo de I Malati Immaginari, duo abruzzese formato da Dario Parascandolo (voce, chitarra, tastiere) e Laura Trivilini (batteria e percussioni) che hanno pubblicato il loro singolo d'esordio, Non mi passa +, accompagnato da un videoclip. Li avevamo incontrati a febbraio, per farci raccontare il loro percorso artistico, iniziato nel 2019 [LEGGI]. Ora li ritroviamo con questo singolo che è il primo estratto dell'EP Schiena contro schiena che uscirà il prossimo autunno. 

Non passa +è tra le prime canzoni scritte insieme da Dario e Laura, un brano "dall'atmosfera glaciale in cui mettiamo in luce tutti i contrasti del nostro universo Immaginario, il giorno e la notte, l'amore e l'odio, la dolcezza e la violenza, il sesso come arma ricatto", racconta Dario. 

Nel significato letterario della canzone è un testo che "parla di ossessione. È la storia di tra due persone, narra un qualsiasi rapporto umano, un rapporto negativo che trascina entrambi verso il basso ma di cui nessuno dei due riesce a farne a meno". Ma "non passa più" può essere interpretato anche "come un ritornello di questo periodo che sembra non passare più. Diciamo che può essere adattato adattato a vari significati, ce lo cuciamo addosso a secondo delle occasioni, ci piace giocare così".

Il singolo è stato registrato all'Arte dei Rumori Studio di Napoli, prodotto da Silvio Speranza e missato da Giovanni Roma e Silvio Speranza. Il video, dal forte impatto visivo, è stato girato a Roma presso il Wallnut Studio dall'esordiente regista Antonella Violante, già affermata Art Director e fotografa della vita notturna della Capitale. Notevole il lavoro su Costumi e Make Up di Gaia Colonna (Lo Chiamavano Jeeg Robot). Fotografia e Color di Samir Iacovone (spot Fendi e Bulgari).

I Malati Immaginari, fino a quando non è arrivato lo stop imposto dalla pandemia, avevano intrapreso un interessante cammino di live. "Speriamo di ripartire al più presto, abbiamo già dei contatti, sicuramente saremo al Circolo Arci Futuro Imperfetto di Pescara, poi tanti locali e club a cui siamo affezionati e che ci daranno supporto". Si proverà anche la strada dei festival e quella di eventi importanti come Sanremo Rock, Premio Tenco e Tour Music Fest.

In pochi giorni dall'uscita Non passa + ha ottenuto già ottimi riscontri. "Vorremmo che possano ascoltarla più persone possibili e poter lasciare qualcosa in chi ascolta. Per noi che abbiamo affrontato questo percorso musicale insieme come una cura - ci chiamiamo Malati Immaginari proprio perchè apparteniamo a quella classe di malati immaginari ipocondriaci curati con la musica - è già arrivato il risultato. Siamo felici di suonare insieme e poter lasciare una traccia in questo immenso panorama discografico".

L'esordio discografico è "la nostra prima bandierina. Abbiamo imparato a non aspettarci niente, guardiamo il gradino successivo per arrivare in cima e dire ok, di strada ne abbiamo fatta. Ci auguriamo di essere felici, sereni e motivati nel continuare questo percorso insieme. Quello che conta è lo stare bene e la musica ci fa stare bene".

I Malati Immaginari
Ascolta Non mi passa + su Spotify - CLICA QUI
Segui su Instagram
Segui su Facebook

Guarda il video

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi