Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 27/04

D’Alessandro caustico: "Primarie delle terapie intensive per un centrodestra in terapia intensiva?"

L’esponente della Lega fermamente contrario alla proposta di Prospero

Davide D'AlessandroDi cosa parliamo - Il centrodestra di Vasto è a un bivio e sembra non sapere quale strada prendere per arrivare alle elezioni comunali del prossimo autunno. Quattro mesi di stallo sulla scelta del candidato sindaco nascondono molte ambizioni personali e una certa difficoltà a trovare la quadra.

Non tardano le reazioni all'ipotesi primarie per la scelta del candidato sindaco del centrodestra. Finora la proposta lanciata da Francesco Prospero (FdI) ha incassato il parere favorevole di Alessandro D'Elisa (gruppo misto) e Guido Giangiacomo (Forza Italia).
Fermamente contrario è invece Davide D'Alessandro della Lega che in un breve e caustico comunicato non risparmia frecciate ai compagni del centrodestra delineando un'unità ancora lontana dall'essere raggiunta.

"Non pensavo – scrive l'esponente leghista – che le candidature non si potessero annunciare sui giornali, mentre le primarie sì. Sì, così, all’improvviso, tanto per continuare a buttare la palla in tribuna nell’incapacità di scegliere il candidato da opporre al sindaco uscente. Poi, non capisco perché per scegliere il presidente della Regione, i candidati al Parlamento e alla stessa Regione, non si debbano fare le primarie, mentre per il sindaco sì. 

Chi, ovviamente, ha partecipato alle primarie del 2016 non può essere contrario per principio, ma andrebbe analizzato il contesto. In quel caso non c’erano grandi partiti nel centrodestra, tanto che Fdi e Fi arrivarono quarto e quinto, dietro le tre liste civiche, e la Regione era guidata dal Pd. Adesso ci sono tre partiti che, insieme, fanno più della metà dell’elettorato italiano, e la Regione è guidata dal centrodestra. Non sfuggirà poi, anche agli sprezzanti del pericolo, che la pandemia non è passata. Vogliamo fare le primarie delle terapie intensive per un centrodestra in terapia intensiva? Non scherziamo!

Il 2016, tra l’altro, ha dimostrato che si può perdere anche dopo le primarie, in assenza di una strategia vincente e convincente. Bisogna sforzarsi di invitare gli elettori al voto per ben due volte, al primo e al secondo turno. Non mi sembra il caso, con i tempi che corrono, di invitarli una volta in più. Potrebbero invitarci loro ad andare da qualche altra parte e non avrebbero tutti i torti.
La verità è che a Vasto, da ben 15 anni, è presente un virus terribile, la Variante del centrodestra, che continua a mietere vittime e sconfitte. L’unico vaccino possibile è prodotto dalla Ditta 'Serietà', ma le dosi, a quanto pare, non sono mai sufficienti per creare la tanto auspicata immunità di gregge".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi