Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 22/04

M5S: "Il Comune scarica rifiuti nell’area dell’ex caserma dell’esercito"

"Invece di contrastare l’abbandono di immondizia, l’amministrazione crea discariche"

Dina Carinci e Marco Gallo (M5S)L'area della vecchia caserma è diventata una discarica. A denunciare le condizioni in cui versa, in contrada Sant'Antonio Abate, la struttura militare dismessa è il Movimento 5 Stelle di Vasto. 

"Questa volta i colpevoli non sono i cittadini incivili che abbandonano i rifiuti in varie zone del territorio vastese", si legge in un comunicato stampa. "Il colpevole è lo stesso Comune", affermano i pentastellati. "I rifiuti infatti sono depositati nel cortile antistante la ex caserma, cortile recintato e chiuso da un cancello con lucchetto che non risulta manomesso. Chi depone i rifiuti quindi dispone delle chiavi. E chi dispone delle chiavi se non il Comune?

Qui siamo al paradosso. Lo stesso Comune che dovrebbe contrastare il fenomeno delle discariche abusive abbandona rifiuti a cielo aperto.

Chiediamo all’assessore Cianci di scendere dalla bicicletta, rimettere i piedi a terra e disporre per un’immediata rimozione dei rifiuti. Ribadiamo inoltre all’assessore Marchesani la necessità di mobilitare i percettori di reddito di cittadinanza per provvedere alla sorveglianza ambientale dei parchi, delle aree a verde, degli accessi al mare e delle zone periferiche a più elevato rischio di abbandono dei rifiuti e discariche abusive".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi