Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Riaprire il polo bibliotecario Mattioli, noi studenti ne abbiamo bisogno"

La lettera di una studentessa universitaria

Vasto. Polo bibliotecario MattioliRiaprire al pubblico il nuovo polo bibliotecario Mattioli di Vasto. La richiesta arriva da una lettera che una studentessa universitaria di Vasto, Martina Di Cristofaro, ha inviato a Zonalocale.

"Sono una studentessa vastese fuori sede a Roma e, vista la mia necessità di fare delle ricerche per l’università, mi sono recata nel nuovo polo bibliotecario Raffaele Mattioli, trovandolo ahimè chiuso. Motivo: zona arancione. Mi reco in comune e, dopo aver sbattuto la testa a destra e manca per cercare di avere una spiegazione da qualcuno, finalmente ricevo una risposta: l’ingegnere che si occupa della sicurezza ha deciso di lasciare tutte le biblioteche (così come anche il Museo) chiuse, almeno fino a quando non torneremo in zona gialla (seppur torneremo in zona gialla).

Allora le mie domande sono molteplici: come mai la biblioteca di San Salvo risulta aperta e consente l’accesso agli studenti anche il sabato, rispettando i protocolli anti-Covid, mentre Vasto lascia chiusa una bellissima struttura inaugurata a metà febbraio e chiusa a inizio marzo? Perché non dare la possibilità anche a noi studenti vastesi, anche creando una piattaforma per la prenotazione così da evitare possibili assembramenti nei locali, di studiare nel nuovo polo bibliotecario e permettere non solo la consultazione dei libri ma anche di usufruire della connessione Wi-Fi per coloro che non ne sono dotati? Vogliamo una data per questa riapertura", conclude Martina, secondo cui "se si vuole aprire, le modalità ci sono, così come la sicurezza".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi