Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 20/04

Centrodestra (senza Lega): "Invece di fare la questua, Menna chieda più dosi di vaccino"

La polemica - "Usare i 40mila euro in bilancio per il PalaBcc"

Vasto. Il centro vaccinale allestito nel PalaBccIl sindaco di Vasto, Francesco Menna, lasci "perdere vittimismi e questue" e, invece di chiedere soldi ai cittadini, usi per il PalaBcc i 40mila euro previsti nel bilancio.

Riguarda la vaccinazione il nuovo affondo di cinque consiglieri comunali di centrodestra contro l'amministrazione comunale targata Pd e alleati. "Purtroppo, nonostante gli sforzi di medici, infermieri e volontari che ringraziamo di cuore, le vaccinazioni nel fine settimana passato sono andate a rilento con meno di 200 inoculazioni giornaliere, dato assolutamente non in linea con le aspettative e le esigenze del territorio", fanno notare Alessandro d'Elisa (gruppo misto), Guido Giangiacomo (Forza Italia), Vincenzo Suriani (Fratelli d'Italia), Francesco Prospero (Fratelli d'Italia) ed Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro). Il comunicato, invece, non è firmato dai consiglieri comunali leghisti, Davide D'Alessandro e Alessandra Cappa.

"Il sindaco - si legge nella nota - invece di chiedere al governo nazionale e alla direzione generale della Asl di inviare le opportune dosi di vaccino, perde il tempo a prepararare e diffondere ufficialmente locandine con la specifica richiesta ai cittadini (poi retromarcia, alle aziende) di versare fondi nelle casse del Comune per eseguire la vaccinazione di massa. Fa la questua a fronte di non bene precisate spese che il Comune avrebbe anticipato, per le utenze della struttura, per la logistica e per le assicurazioni". Il primo cittadino si appella al buon cuore dei vastesi "senza nemmeno specificare con quale causale i cittadini e le aziende debbano versare il contributo pro vaccini".

"Ci chiediamo cosa c'entri il Comune, visto che la competenza e i costi della vaccinazione sono delle Regioni e delle Asl territoriali, che coprono tutte le spese del personale medico e della logistica" e come possano "questa amministrazione e il sindaco Menna dal pollice sanitario elettorale richiedere contributi, a mezzo donazioni, ai cittadini, in nome del vaccino di massa? Come fa a chiedere contributi da versare sul conto corrente del Comune, senza nemmeno specificare con quale causale i cittadini e le aziende debbano versare il contributo pro vaccini?

Ricordiamo al sindaco - attaccano i cinque esponenti dell'opposizione - di non dimenticare che lui ha altre competenze, come la manutenzione della città, la pulizia delle strade, i servizi individuali, le sanificazioni degli uffici pubblici". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi