Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/04

Dalla Asl niente cure per i figli autistici, mamma Bianca minaccia sciopero della fame e della sete

"Non è accettabile vedere una Asl che non rispetta le sentenze dei tribunali"

Da sinistra: Marie Hélène Benedetti e Felicia FioravanteSette anni di richieste in attesa che la Asl prendesse in carico i due figli autistici. Oggi arriva "l'ultimatum" di Bianca Ulacco e della presidente dell'associazione Asperger Abruzzo, Marie Helene Benedetti. "Comunichiamo pubblicamente – si legge in una nota dell'associazione - che, se entro venerdì mattina non arriverà la presa in carico dei figli di Bianca, venerdì 23 aprile alle ore 10:30 a Pescara in Via Conte di Ruvo 74, mamma Bianca insieme alla presidente dell'associazione Asperger Abruzzo, Marie Helene Benedetti, avvieranno uno sciopero della fame e della sete ad oltranza davanti al Dipartimento della Sanità della Regione Abruzzo considerando che questa madre è incinta e porta avanti una gravidanza problematica".

La protesta nasce dal mancato adempimento di un'ordinanza immediatamente esecutiva emessa il 19 gennaio 2021 dal Tribunale di Vasto a firma del giudice Ilaria Prozzo che, spiegano dall'associazione, "imponeva alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti la presa in carico di entrambi i figli autistici di Bianca presso il San Stef.Ar di Casalbordino". Sentenza ottenuta da Bianca Ulacco, sostenuta dall'associazione Asperger Abruzzo e difesa dall'avvocato Felicia Fioravante. "Siamo al 19 aprile - spiegano - nonostante le reiterate richieste formali di adempimento attraverso la notifica in forma esecutiva e le varie diffide dell'avvocato dell'associazione Asperger Abruzzo, nonostante le numerose telefonate, la ASL non prende in carico i bambini di Bianca che peggiorano di giorno in giorno". 

"La Asl non ha mai risposto nemmeno telefonicamente circa le proprie intenzioni – affermano -. Nel frattempo, la Asl continua a costituirsi in altri giudizi, per altre famiglie costrette a ricorrere ai tribunali per ottenere le terapie dei propri figli autistici mentendo spudoratamente e dichiarando che prendono in carico i bambini offrendo la presa in carico quando concretamente non adempiono nemmeno alle sentenze dei tribunali".

"Poco più di un anno fa, per gli stessi motivi – ricordano - abbiamo visto mamma Marie Helene Benedetti fare uno sciopero della fame e della sete davanti al Dipartimento della Sanità della Regione Abruzzo perchè da settembre a dicembre la Asl Lanciano-Vasto-Chieti non dava esecuzione alla sentenza lasciando mamma Marie Helene con una sentenza di tribunale fra le mani e il piccolo Thomas senza terapie. Dalla Asl e dalla stessa Regione Abruzzo, era stato promesso che non si sarebbe mai più verificato un atteggiamento del genere, ma siamo abituati alle menzogne di questa Asl. Non è accettabile, in un paese che si rispetti, vedere una Asl che non rispetta le sentenze dei tribunali".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi