CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/04

Capece (Sappe): "Agenti a rischio. Chiediamo più personale per la Casa Lavoro di Vasto"

Il segretario generale interviene dopo l’aggressione della scorsa notte

Notarangelo, Capece e Ninu (foto d'archivio)Il Sappe denuncia "lo stato di abbandono del personale di polizia penitenziaria della Casa Lavoro di Vasto ed auspica urgenti provvedimenti". Interviene anche il segretario generale del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria sull'ultima aggressione ai danni di agenti della Casa Lavoro di Vasto denunciata dal referente locale Giovanni Notarangelo e dal segretario regionale Giuseppe Ninu.

"L'amministrazione penitenziaria non ha emanato alcun dispositivo sulle regole di gestione e soprattutto d'ingaggio per fronteggiare i soggetti violenti, abbandonando al proprio destino la polizia penitenziaria che purtroppo opera, nei turni di servizio quotidiani, senza uomini sufficienti e senza mezzi idonei per fronteggiare questo gravissimo dilagante fenomeno, che mette ad alto rischio l'incolumità del personale - commenta il segretario generale Donato Capce -. Il Sappe adesso dice veramente basta. Va bene il rischio del mestiere ma a questo punto sta diventando sempre più pericoloso fare questo lavoro senza uomini e mezzi appropriati e senza una formazione adeguata".

Il segretario generale Donato Capce incontrerà a Roma il Dirigente Generale del Personale del DAP, Massimo Parisi, chiedendo di "disporre l’invio urgente di agenti per la Casa di Lavoro a Vasto per fronteggiare le violenze e le carenze di organico". Capece ricorda che "da mesi il Sappe denuncia le gravi violenze contro i poliziotti delle carceri italiane, sempre più spesso aggrediti, minacciati, feriti, contusi e colpiti con calci e pugni da detenuti e la mancata assunzione di provvedimenti in materia di ordine e sicurezza delle carceri da parte del Ministero della Giustizia a tutela degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, sintomo evidentemente di una mancanza di progettualità dell’esecuzione della pena e, in questo, contesto del ruolo dei Baschi Azzurri. Nella Casa di Lavoro di Vasto la violenza è continua e questo è intollerabile".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi