Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 13/04

Dopo le immagini della devastazione del Cotir, arrivano 10mila euro per la salvaguardia dei beni

Lo ha deciso il consiglio regionale

Una sala riunioniMeglio tardi che mai. Dopo le immagini della devastazione del Cotir il consiglio regionale stanzia 10mila euro per "la salvaguardia dei beni immobili del patrimonio regionale in uso al Consorzio per la Divulgazione e Sperimentazione delle Tecniche Irrigue". 

Il provvedimento è stato inserito come emendamento all'interno del progetto di legge "Esternalizzazione del servizio gestione degli archivi dei Geni Civili regionali" così come quello relativo al finanziamento del centro di ricerca Crua di Avezzano per il quale sono stati stanziati 980mila euro.

Come documentato da zonalocale.it, il Cotir di Vasto versa in totale abbandono. Un buco realizzato sulla recinzione di un ingresso secondario permette a tutti di entrare e continuare a danneggiare o portare via i beni lasciati a marcire sotto le intemperie dal giorno della chiusura nel 2017. "Almeno facciamo un primissimo intervento di piccola bonifica per mettere in sicurezza quello che c'è. Quelle immagini di abbandono non vanno bene", dice il consigliere regionale di maggioranza, Mauro Febbo.

All'interno degli edifici ci sono ancora attrezzature costose – anche se probabilmente ormai inutilizzabili – (tra queste l'Nmr per la risonanza magnetica costata svariate centinaia di migliaia di euro) e documenti inerenti le ricerche portate avanti dai dipendenti.

Le immagini della devastazione del Cotir

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi