CHIUDI [X]
 
Gissi   Attualità 10/04

Dopo 89 anni le suore lasciano Gissi, "Le ricorderemo con affetto e gratitudine"

Il saluto del consiglio comunale

Con affetto e un velo di tristezza, ieri, il consiglio comunale di Gissi ha salutato le suore che lasceranno presto il paese dopo 89 anni di costante presenza. Il sindaco Agostino Chieffo a margine della riunione dell'assise civica ha consegnato una targa come riconoscimento per i servizi offerti alla comunità gissana alle ultime due religiose rimaste, suor Jaqueline e suor Salommè.

La notizia ufficiale è arrivata a fine marzo quando la superiore generale della congregazione delle "Piccole Figlie di San Giuseppe" ha inviato al Comune una lettera annunciando il ritiro da Gissi. La motivazione è da ricercare nel numero sempre minore delle religiose e dalla conseguente impossibilità per la congregazione di mantenere le comunità sparse per l'Italia.

"Sono tanti i servizi svolti dalle suore per la nostra collettività dai primi Anni Trenta del secolo scorso ad oggi – dice Chieffo a zonalocale.it – Le religiose (negli anni se ne sono avvicendate 63), si sono occupate della prima educazione dei più giovani nella scuola materna comunale, della gestione del banco alimentare e dell'assistenza ai più poveri, hanno assicurato conforto ai malati e hanno fornito supporto alle attività parrocchiali".

"Le  suore sono sempre state presenti e, con la loro innata discrezione e umiltà, hanno svolto con impegno e dedizione il loro servizio, in favore di tutti, cattolici e non. Con il loro servizio e la loro presenza, le suore si sono guadagnate la stima e il rispetto della cittadinanza che, certamente, le ricorderanno con affetto e gratitudine.
Alle suore della congregazione delle Piccole Figlie di San Giuseppe va il ringraziamento mio personale e di tutto il consiglio comunale, con la speranza che quello di oggi non sia un addio, ma solo un arrivederci".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi

         
         

        Chiudi
        Chiudi