CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 09/04

Via Verde, tanti nodi aperti: le sollecitazioni delle associazioni ciclistiche

Presidenti e coordinatori dei club scrivono a Pupillo e Marsilio

La Via Verde della Costa dei Trabocchi continua a far parlare di sé. Alle voci di quanti chiedono chiarezza sul destino della pista ciclopedonale, si aggiungono quelle dei presidenti e coordinatori delle associazioni ciclo-amatoriali e ciclo-turistiche del territorio.

In un comunicato stampa congiunto, Ciclo Club Vasto, Vastese Inn Bike, Team Audax Vasto, ASD Velo Club Ortona, ASD Ciclistica Valle Trigno, ASD Abruzzo In Bike, FIAB Vasto CittàAttiva, Velo Club San Salvo e Vasto Ciclabile, evidenziano alcuni dei problemi nei lavori della ciclabile e chiedono lumi sul futuro del tracciato al presidente della Provincia, Mario Pupillo e della Regione, Marco Marsilio.

Rappresentando "pensieri, preoccupazioni e desideri, dei sempre più numerosi appassionati di bicicletta", le associazioni fanno il punto sulle criticità del progetto. Dalla riconsegna "prevista da circa tre anni" al "cantiere aperto, ufficialmente interdetto all'utilizzo da parte di pedoni e ciclisti", passando per lo spettro di "opera incompiuta" che "ha fatto salire l'infrastruttura agli onori della cronaca locale e nazionale"; tra "tratti meno attenzionati, come il segmento Casalbordino-Vasto" e la "lacunosa e potenzialmente pericolosa bozza di regolamento", presidenti e appassionati chiedono risposte.

La data certa entro cui l'Ente gestore dei lavori "ritiene di poter interamente completare l'infrastruttura, consegnandola, compiuta e sicura, alla disponibilità di ciclisti e pedoni" è la richiesta principale fatta dalle associazioni. I presidenti si interrogano anche sullo stato dei lavori all'altezza di Casalbordino Marina e Porto di Vasto, "località ove non appare la minima traccia di cantieri aperti" e sugli interventi nelle gallerie "ancora chiuse e in stato di abbandono, che impediscono in più punti la libera fruizione della pista".

"Perché – si chiedono – non si riunificano i tronconi nord e sud della Via Verde, per creare all'altezza del lungomare di Casalbordino Marina e in località Porto di Vasto, delle semplici corsie ciclabili, in modo da rendere agevole e sicuro il transito su tali tratti?". E suggeriscono all'Ente gestore di "completare e inaugurare il tratto della Via Verde prima di preoccuparsi di definire regolamentazioni riguardanti concessioni di diritti ai privati". Concessioni destinate in molti casi, sostengono, a "incidere in modo negativo sulla qualità di luoghi e aree di pregevole valore ambientale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi